Covid, Uilpa: "Necessaria la chiusura dell’Ufficio notificazioni della Corte d'Appello"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Chiusura precauzionale dell’Ufficio notificazioni, esecuzioni eprotesti della Corte di Appello di Palermo, in attesa di effettuare i tamponi a tutto il personale". È la richiesta che la Uil Pubblica Amministrazione Sicilia rivolge in una lettera, indirizzata al presidente Matteo Frasca, al prefetto Giuseppe Forlani e all’assessore alla Salute della Regione Siciliana Ruggero Razza.

Il segretario generale Alfonso Farruggia, già intervenuto in diverse occasioni per sollecitare l’amministrazione a mettere in atto provvedimenti stringenti a tutela della salute del personale e dell’utenza, sottolinea le crescenti preoccupazioni legate ai casi, sempre più numerosi, di Covid 19 presso l’Unep della Corte d’Appello di Palermo. "Ci chiediamo il perché dell’assenza di interventi tempestivi – si legge nella lettera – in merito alla chiusura dell’Ufficio, in attesa degli esiti del tampone che chiediamo di effettuare a tutti i dipendenti”. A preoccupare ulteriormente il sindacato, anche le notizie riguardanti le assenze per malattia del personale coinvolto, sempre più numerose, e gli stati di febbre di alcuni dipendenti. “Non riusciamo a comprendere come mai i medici dell’Asp - aggiunge Farruggia - non abbiano sottoposto ancor oggi tutto il personale al tampone rapido che, generalmente, laddove negativo, viene ripetuto tenendo conto del periodo di tempo di incubazione dell’infezione”. “Dobbiamo prendere atto – specifica - che il presidente della Corte di Appello di Palermo Matteo Frasca ha rinnovato all’Autorità Sanitaria competente la richiesta di immediati accertamenti su tutti i dipendenti dell’Ufficio in questione, predisponendo una limitazione delle attività fino al 30 settembre”. “Malgrado ciò – aggiunge il segretario generale, che chiede al prefetto di vigilare sulla situazione - dobbiamo rilevare con stupore che ancora ad oggi l’Ufficio è rimasto aperto e nessun test sierologico è stato fatto al personale eccetto quelli a spese proprie”. “La Uilpa – conclude – non può rimanere indifferente dinanzi alle lamentele dei lavoratori che appaiono comprensibilmente spaventati per gli esiti dei contagi ad oggi riscontrati e per le numerose malattie in corso comunicate: rivolgiamo all’amministrazione la richiesta immediata di chiusura precauzionale dell’Ufficio e all’assessore alla Salute e ai responsabili dell’Asp di attivarsi ad effettuare i test sierologici necessari al fine di scongiurare ulteriori contagi”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento