rotate-mobile
Coronavirus tra i banchi

Regole Covid a scuola, preside palermitana tuona: "Sconcertati dal dietrofront sulle quarantene"

Niente Dad con un positivo in classe. Lo sfogo di Daniela Crimi, dirigente del liceo linguistico statale Cassarà: "Surreale che una nota sottoscritta da due Ministeri sia sospesa dopo neanche 24 ore e che le disposizioni contenute siano già considerate superate"

"Ancora una volta la scuola lasciata nel disorientamento totale, a prova del fatto che la gestione della pandemia ha messo alla prova il lavoro del personale scolastico tutto, docenti, personale Ata e dirigente scolastico. Sconcertati da dietrofont su quarantene, surreale che una nota sottoscritta da due Ministeri sia sospesa dopo neanche 24 ore e che le disposizioni contenute siano già considerate superate". E' lo sfogo, con l'Adnkronos, di Daniela Crimi, dirigente del liceo linguistico statale Cassarà di Palermo, uno dei più grandi sul territorio dopo la notizia che non ci sarà Dad con un positivo in classe. A poche ore  infatti dalla circolare che stabiliva le lezioni a distanza per tutti anche con un solo positivo, arriva il dietrofront. Studierà da casa solo chi è in isolamento, mentre i compagni proseguiranno in presenza

Con oltre 1.400 alunni, il Cassarà è uno dei licei più grandi in Sicilia. "La scuola in questi mesi di pandemia ha fatto ben più di quanto dovesse ma non si deve più chiedere di sostituirsi alla asp o al dipartimento di sanità - dice la preside -. La scuola in presenza va bene ma non può essere un obiettivo perseguito a danno della salute o della sicurezza".

Per Daniela Crimi "la scuola ha fatto anche più del suo dovere, mancano invece ad oggi, gli interventi sul fronte della edilizia scolastica; gli edifici scolastici devono essere ristrutturati, le aule ampliate per consentire maggiore distanziamento e recuperati gli spazi esterni, comuni, le palestre che sono ancora in molte città, tra cui Palermo, completamente dimenticate dagli Enti locali". E aggiunge: "Non si può chiedere sempre alla scuola di adeguarsi alle misure di prevenzione senza che questo sforzo sia accompagnato dal doveroso ed obbligatorio intervento degli enti locali alla manutenzione degli edifici e agli adeguamenti edilizi".

"La scuola, come sempre in prima linea, e spesso lasciata da sola da una scorretta delega di doversi sobbarcare il lavoro che spetta ad altre istituzioni", aggiunge la dirigente del liceo linguistico Cassarà. In questi giorni la dirigente si è anche sfogata sui social: "Diteci quali sono le regole da seguire e mettetevi d'accordo perché non stiamo capendo nulla", ha scritto.

fonte Adnkronos

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regole Covid a scuola, preside palermitana tuona: "Sconcertati dal dietrofront sulle quarantene"

PalermoToday è in caricamento