rotate-mobile
Cronaca

La curva dei contagi Covid risale, Figliuolo alle Regioni: "Accelerare con terze dosi vaccino"

Il commissario straordinario all'emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo, chiede di procedere speditamente soprattutto con gli immunocompromessi e i fragili. Si pensa poi a somministrazioni negli hub anche senza prenotazione e chiamate ai cittadini da parte dei medici di base

La "quarta ondata" di contagi Covid diventa un orizzonte concreto e l'Italia punta ad ampliare sempre più la copertura vaccinale non solo convincendo chi ancora ha remore, ma intensificando anche le terze dosi. Il commissario straordinario all'emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo, ha invitato esplicitamente le Regioni ad attivarsi. "Noi siamo pronti per le terze dosi. Ci sono le dosi e c'è chiarezza di idee. Dobbiamo imprimere un bel ritmo a queste somministrazioni e alle Regioni ho chiesto di fare uno sforzo con la chiamata attiva agli immunocompromessi e ai fragili", ha detto.

Secondo i dati diffusi ieri dalla Regione, nella settimana 25-31 ottobre in Sicilia l'incidenza è stata di 51,35 casi per 100 mila abitanti. Analizzando per età emerge un dato più alto nella fascia di età scolare (6/10 anni) e in quella più anziana. Infatti il dipartimento Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico regionale ribadisce "l’importanza di mantenere alta l’immunizzazione nei soggetti più a rischio".  

In Sicilia i vaccinati con prima dose si attestano all’80,67% del target regionale, gli immunizzati sono al 76,67%. Le terze dosi finora somministrate sono 62.914 (pari allo 0,93% delle somministrazioni complessive)

Per la prosecuzione della campagna vaccinale l'orientamento è ancora una volta quello di fruttare gli hub "che peraltro - ha spiegato Figliuolo - stiamo razionalizzando, perché non avremo più quegli afflussi di luglio con oltre 530 mila dosi al giorno di media, ma siamo in grado anche con un 30% in meno di hub di poter supportare tutte quelle che sono le somministrazioni da fare. Ma soprattutto poi ci sarà l'implementazione dell'altra linea operativa che è quella prevista dal piano che è la capillarizzazione. Questa prossimità che si realizza anche con le farmacie".  

Si pensa a un rapido ampliamento della platea dei soggetti che possono accedere alla vaccinazione, somministrazioni negli hub anche senza prenotazione e chiamate ai cittadini da parte dei medici di base alla scadenza dei sei mesi dalla seconda dose per effettuare il richiamo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La curva dei contagi Covid risale, Figliuolo alle Regioni: "Accelerare con terze dosi vaccino"

PalermoToday è in caricamento