Diventerà Bellissima: "Covid-19, ancora il Comune non ha presentato istanza per contributo regionale"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Più che una nota in senso stretto, questa vuole essere una comunicazione di servizio a beneficio di quanti in queste ore ci stanno chiedendo il motivo per cui 93 Comuni siciliani non abbiano ancora inviato l’atto di adesione all’Assessorato delle Autonomie locali per poter disporre della prima tranche dei fondi destinati alle derrate alimentari e messi a disposizione dalla Regione per far fronte alle prime necessità di tanti cittadini siciliani colpiti pesantemente dalle restrizioni legate al contenimento del contagio da Covid-19.

Cento milioni (questo è l’ammontare dell’intero importo stanziato dall’esecutivo Musumeci) sono un provvedimento robusto che non trova pari da altre parti in Italia. E già un primo 30 per cento è immediatamente disponibile per i Comuni che hanno inviato l’atto di adesione.
Ciò che spiace constatare invece, è che tra i 93 “ritardatari” vi sia anche il Comune di Palermo, beneficiario di una quota pari a più di 13milioni di euro.

E ancor di più spiace apprendere la motivazione per la quale il Comune di Palermo non abbia ancora aderito alla richiesta della prima tranche. Secondo fonti comunali, infatti, “i fondi sono ancora in fase di regolamentazione da parte della Regione perché oggetto della legge finanziaria tutt'ora in discussione e pertanto anche se parecchi Comuni hanno firmato l'accordo, non hanno potuto spendere un euro per assenza della normativa di riferimento”.

Bene, riteniamo opportuno e doveroso per completezza di informazione, precisare che la Regione non ha alcunché da regolamentare circa l’utilizzo dei fondi regionali. E’ vero, semmai, che è in discussione al Parlamento regionale la possibilità che il 70 per cento dei medesimi fondi possa essere utilizzato, oltre che per l’acquisto di derrate alimentari, anche per il pagamento di affitti e utenze, ma ciò non vincola in alcun modo l’utilizzo dei fondi emergenziali da parte dei Comuni.

Ciò si evince chiaramente, inoltre, dal contenuto di due circolari diramate dall’assessorato delle Autonomie locali (la nr. 12 e la nr. 13) con cui viene dettagliato l’iter amministrativo che i Sindaci e le giunte comunali in genere devono seguire per inserire in bilancio le somme destinate ai singoli Comuni. Circolari diramate proprio per chiarire talune perplessità che anche l’ANCI Sicilia aveva sollevato.
La Municipalità di Palermo certamente conosce tali circolari e può dare tranquillamente avvio all’iter burocratico e amministrativo per l’utilizzo delle somme spettanti, soprattutto in considerazione (come gli stessi uffici ammettono) che i fondi nazionali finora utilizzati per Palermo, basteranno ancora per alcune settimane. Ci piace pensare che in questa fase di grave incertezza economica per le famiglie palermitane, le Istituzioni tutte collaborino responsabilmente nell’interesse primario dei numerosi nuclei familiari cui le misure emergenziali sono rivolte".

Lo dichiarano Tania Pontrelli e Luca Tantino del Direttivo regionale di Diventerà Bellissima

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento