menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tari e Imu scontati per le imprese colpite dal Covid, al via le domande: ecco come fare

Se l'utente ha già pagato i tributi del 2020, l'agevolazione sarà calcolata come anticipazione per quanto dovuto nel 2021. Viceversa potrà versare la somma residua. Le istanze si presentano sul sito del Comune. Orlando: Piccola ma significativa boccata d'ossigeno"

E' online nella sezione "Tributi" del portale dei servizi online del Comune il servizio di presentazione delle istanze di agevolazione straordinaria, causa emergenza Covid, per Imu e Tari 2020, previste dal Consiglio comunale su proposta della Giunta con alcune delibere del mese di settembre dello scorso anno.

Le agevolazioni sono divenute operative lo scorso 30 dicembre dopo l'approvazione degli appositi decreti regionali di assegnazione delle somme del fondo perequativo previsto dalla finanziaria. Ad avere diritto alle agevolazioni (riduzione del 70% della Tari e riduzione del 66,66% dell'Imu) sono quelle aziende, enti e attività economiche la cui operatività è stata sospesa o ridotta a seguito dei diversi provvedimenti restrittivi adottati dai governi nazionale e regionale per il contrasto alla pandemia. 

Per il sindaco Orlando "a beneficiare di queste riduzioni saranno tantissimi soggetti, fra aziende, associazioni sportive e culturali, enti di vario tipo. Una piccola ma significativa boccata d'ossigeno per l'economia cittadina". Le istanze per entrambe le agevolazioni dovranno essere presentate entro il prossimo 1 marzo tramite il cassetto tributario cui si accede appunto dal portale comunale tramite registrazione o Spid.

Per entrambi i tributi, se l'utente ha già provveduto al saldo del 100% della somma dovuta nel corso del 2020, l'agevolazione sarà calcolata come anticipazione per quanto dovuto nel 2021. Qualora non si sia provveduto al saldo o al pagamento dell'acconto, l'utente potrà procedere al pagamento della somma residua a suo carico, applicando direttamente la riduzione e aggiungendo le eventuali mora e sanzioni per ritardato pagamento. Si segnala che per quanto riguarda l'Imu, l'istanza va presentata dal proprietario, il quale attesti che il cespite immobiliare è destinato allo svolgimento dell’attività economica, di cui ai codici Ateco previsti, nonché che la stessa è rimasta sospesa a causa dell’emergenza Covid e che la categoria catastale sia conforme alla destinazione d’uso.

La quota del fondo perequativo spettante al Comune, circa 27 milioni di euro, è stata destinata, oltre che alle riduzioni di Imu e Tari, alla gratuità di alcuni servizi e tributi, in particolare quelli relativi ai costi degli impianti sportivi per le società, i canoni di utilizzo della Fiera del Mediterraneo per eventi fieristici e la Tosap per i locali pubblici, turistici e della ristorazione che hanno usufruito della possibilità di ampliamento gratuito del suolo pubblico al fine di facilitare il rispetto delle norme sul distanziamento.

Anche nel caso delle agevolazioni legate agli impianti sportivi e alla Fiera, il contributo sarà corrisposto sotto forma di equivalente utilizzo gratuito nel 2021, avendo già provveduto gli enti interessati al pagamento dei canoni nel 2020. La riduzione si applica automaticamente, tranne che per i campeggi, gli impianti sportivi, i negozi di abbigliamento, calzature, libreria e cartoleria, che, essendo inclusi in classi che comprendendo altre categorie economiche che non hanno avuto imposte chiusure, non risultano automaticamente agevolabili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento