rotate-mobile
Cronaca

Servizi cimiteriali chiusi dopo un caso di Covid, l'assessore: "Gli impiegati lavoreranno nel mio ufficio"

In attesa che vengano sanificati i locali di via Lincoln, i dipendenti verranno ospitati a piazza Giulio Cesare. Niente pratiche burocratiche per 34 salme in attesa di essere tumulate, tutte persone decedute tra Natale e Santo Stefano. Sala: "Da domani si torna a pieno regime"

"Gli uffici dei Servizi cimiteriali del Comune da domani torneranno a pieno regime, mentre per oggi riusciremo ad assicurare quelle essenziali grazie a dipendenti già sottoposti a tampone o che non hanno avuto contatti diretti. La Reset, su precisa indicazione del sindaco, completerà entro oggi le attività di sanificazioni dei locali di Palazzo Barone, a seguito della positività accertata di un lavoratore al Covid e nel frattempo gli uffici si sposteranno presso i locali della mia segreteria a piazza Giulio Cesare, nella struttura che ospita già l'Elettorato".

Lo dice l’assessore comunale ai Cimiteri, Toni Sala, dopo il blocco delle attività negli uffici di via Lincoln. Con la chiusura dei locali di Palazzo Barone, avvenuta venerdì, niente pratiche burocratiche per 34 salme in attesa di essere tumulate: tutte persone decedute tra Natale e Santo Stefano. servizi cimiteriali-2-2

"Caos totale dunque sul versante amministrativo - denuncia il capogruppo della Lega in Consiglio, Igor Gelarda - che si somma alle centinaia di bare ancora vergognosamente in attesa al deposito dei Rotoli. E per le quali con un emendamento della Lega in finanziaria sono in arrivo 2 milioni di euro da parte del governo nazionale, che permetteranno, appena il progetto del comune diventerà esecutivo, di dare una degna sepoltura a tutte le bare al momento a deposito. L'assessore sta continuando a mettere tutta la sua buona volontà, ma evidentemente non basta nell'affrontare un problema così complesso e ormai datato come questo".

Per garantire la continuità dei servizi in un sito vicino a Palazzo Barone, sede dei Servizi cimiteriali (su cui pende un'ordinanza di sgombero datata 9 dicembre), l'assessore ha sacrificato la sua segreteria. "Le norme anti Covid hanno imposto all’amministrazione comunale - spiega l'assessore di sanificare Palazzo Barone a tutela dei lavoratori e dell’utenza. Questo ha purtroppo provocato dei disagi di cui ci scusiamo. Quello dei Servizi ciomiteriali - conclude Sala - è un settore che, oltre alle ben note problematiche, deve fare i conti con l'ordinanza di sgombero di Palazzo Barone, su cui ho chiesto di avere trasmessa la relazione redatta dal tecnico comunale incaricato e di svolgere ulteriori indagini. Nelle more assicureremo la prosecuzione delle attività".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi cimiteriali chiusi dopo un caso di Covid, l'assessore: "Gli impiegati lavoreranno nel mio ufficio"

PalermoToday è in caricamento