Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Covid, la Sicilia torna prima per nuovi casi: ma continua la discesa di attuali positivi e ricoveri

I contagi nelle ultime 24 ore sono 878, il tasso di positività è del 4,6%. I posti letto occupati nei reparti ordinari sono 697 (-35), mentre quelli in terapia intensiva 99 (+1). Ancora tanti guariti (1.754), 20 i decessi comunicati ma risalenti anche ai giorni scorsi. Green passi: i tamponi non saranno gratis

Nuovi casi in aumento rispetto a ieri ma attuali positivi e ricoveri ancora in calo in Sicilia. L'Isola - dopo la pausa di ieri - torna ad essere la prima regione d'Italia: sono infatti 878 i contagi Covid scoperti nelle ultime 24 ore su 18.682 tamponi (tasso del 4,6%). Mentre i 1.754 guariti fanno scendere a 22.720 mila (-896) le persone che al momento hanno il virus. In discesa - trend che ormai continua da giorni - i ricoveri ordinari: rispetto a ieri ci sono 35 pazienti in meno (697 in totale), mentre è di +1 il saldo dei posti letto in terapia intensiva occupati (99 in tutto) con 10 nuovi ingressi.

Sono invece 20 i decessi comunicati. Anche stavolta non si riferiscono tutti alle ultime 24 ore. La Regione infatti chiarisce che 6 sono deceduti ieri, 8 giorno 14, 2 giorno 13, uno giorno 12, uno giorno 11, mentre due addirittura nei giorni 16 e 17 agosto; quasi un mese fa.

La mappa per provincia: Palermo: 82.251 (129); Catania: 72.246 (295); Messina: 33.070 (169); Siracusa: 22.202 (107); Ragusa: 19.255 (53); Trapani: 19.001 (53); Caltanissetta: 17.421 (23); Agrigento: 16.889 (29); Enna: 9.027 (20)

Green pass, i tamponi non saranno gratis

I sindacati avevano chiesto tamponi gratuiti per chi non vaccinato avrà necessità di tamponi frequenti per ottenere il green pass ma il governo già ieri era stato chiaro: non sarà la collettività a farsi carico di chi rifiuta il vaccino gratuito. Ma una concessione da Draghi è arrivata: i tamponi - si legge su Today.it - resteranno a prezzo calmierato, anzi, il costo scenderà ancora. Il nuovo decreto green pass che sarà approvato oggi dal consiglio dei ministri prevede infatti che - oltre all'estensione del green pass ai luoghi di lavoro dal 15 ottobre - l'obbligo per le farmacie di effettuare tamponi a prezzi calmierati: 15 euro e otto euro per i minori. Saranno invece gratuiti i tamponi per tutti i soggetti fragili che non si possono vaccinare.

Tamponi a 15 e 8 euro
Tamponi a 15 euro per maggiorenni;
Tamponi a 8 euro per minori;
Tamponi gratis per esenti dal vaccino.

Ricordiamo che il nuovo decreto prevede la sospensione dal lavoro e il blocco dello stipendio al dipendente senza green pass dopo 5 giorni di accessi in fabbrica o in ufficio senza certificazione. Sanzioni specifiche sono previste per chi elude i controlli o per i datori di lavoro che non li predispongono.  

Per chi continuerà a rifiutare il vaccino anti covid (per cui ancora non è previsto l'introduzione di un obbligo di legge) non resterà altra via che sottoporsi pertanto a tamponi frequenti: infatti non è previsto un cambiamento nella durata di validità degli stessi che - per ottenere il Green pass - resta di 48 ore. La questione, a quanto si apprende, è stata posta nel corso della cabina di regia a Palazzo Chigi in vista del Cdm di questo pomeriggio. La richiesta era valutare una eventuale estensione a 72 ore, ma ad oggi non ci sono indicazioni in tal senso delle autorità sanitarie e dunque, pur impegnandosi a fare un appronfondimento sulle scelte fatte nel resto d'Europa, per ora il governo tiene fermo il termine di validità di due giorni.

I dati della mortalità a Palermo

E’ stato pubblicato il rapporto sull'andamento della mortalità giornaliera nelle città italiane aggiornato al 24 agosto 2021, a cura del Ministero della Salute e del Dipartimento di Epidemiologia Regione Lazio. "I dati contenuti nel rapporto rapporto – evidenzia Girolamo D’Anneo, responsabile dell’Ufficio Statistica del Comune, che ha elaborato il focus sulla nostra città -  confermano il drammatico incremento della mortalità totale nella città di Palermo già rilevato nei precedenti rapporti. In particolare, dopo un rallentamento registrato a luglio, a partire dai primi di agosto si è registrata nuovamente una mortalità sensibilmente superiore all’atteso. Come rilevato nel Rapporto, l’incremento dell’ultimo periodo è attribuibile in parte alla quarta ondata epidemica ed in parte alle ondate di calore che hanno interessato soprattutto le regioni del sud.

Nel mese di gennaio i decessi rilevati a Palermo sono stati 763, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 684 (+79 decessi, pari a +12%). Nel mese di febbraio i decessi rilevati a Palermo sono stati 575, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 588 (-13 decessi, pari a -2%). Nel mese di marzo i decessi rilevati a Palermo sono stati 680, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 619 (+60 decessi, pari a +10%). Nel mese di aprile i decessi rilevati a Palermo sono stati 653, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 530 (+123 decessi, pari a +23%). Nel mese di maggio i decessi rilevati a Palermo sono stati 548, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 469 (+79 decessi, pari a +17%). Nel mese di giugno i decessi rilevati a Palermo sono stati 545, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 448 (+97 decessi, pari a +22%). Nel mese di luglio i decessi rilevati a Palermo sono stati 486, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 477 (+9 decessi, pari a +2%). Nei primi 15 giorni di agosto i decessi rilevati a Palermo sono stati 333, contro una media degli ultimi 5 anni pari a 241 (+92 decessi, pari a +38%).  

Passando a un’analisi dei decessi settimanale, si rilevano dei picchi di eccesso di mortalità particolarmente elevati nelle settimane dal 20 al 26 gennaio (+34,5%), dal 24 al 30 marzo (+40,3%) e dal 14 al 20 aprile (+33,6%), dal 23 al 29 giugno  (+45,5%) e nelle prime tre settimane di agosto: dal 4 al 10 agosto (+35,5%), dall’11 al 17 agosto (+65,4%) e dal 18 al 24 agosto (+37,6%). In valore assoluto, dal 30 dicembre 2020 al 24 agosto 2021, a Palermo si sono registrati 4821 decessi, con un incremento di 601 unità (+14,2%) rispetto alla media degli ultimi 5 anni".

I numeri del Covid in Italia

Il bollettino di oggi giovedì 16 settembre

  • Nuovi casi: 5.117 
  • Tamponi (diagnostici e di controllo): 306.267
  • Attualmente positivi: 116.342
  • Ricoverati: 4.018
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 531
  • Deceduti dopo un tampone positivo: 130.167 (nuovi 67)
  • Dimessi/Guariti: 4.376.646
  • Vaccinati: 40.462.758 persone pari al 74.92% della popolazione con più di 12 anni. Ieri somministrate 218mila dosi, di cui 59mila prime dosi. La campagna vaccinale ha coinvolto ad oggi 25 agosto 2021 il 92% degli over 80, l'89% dei settantenni, e il 85% dei sessantenni, il 78% dei cinquantenni, il 70% dei quarantenni, il 66% dei trentenni e il 69% dei ventenni e il 47% degli adolescenti completamente vaccinati con una doppia dose o con una dose unica di JJ. Sul sito del Governo il report aggiornato dei vaccini. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, la Sicilia torna prima per nuovi casi: ma continua la discesa di attuali positivi e ricoveri

PalermoToday è in caricamento