rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Costa Concordia a Palermo, adesso si muove anche la Regione

Continua la polemica su dove finirà il relitto della. E' corsa a tre per il recupero: il capoluogo siciliano "lotta" con Piombino e Civitavecchia: ma incassa anche la spinta dell'assessore regionale all'Ambiente, Mariella Lo Bello

Adesso si muove anche la Regione. Continua la polemica su dove finirà il relitto della Concordia. Il rebus continua. Nella corsa a tre tra Palermo, Piombino e Civitavecchia, il capoluogo siciliano incassa un altro sponsor eccellente. Dopo la "spinta" del sindaco Leoluca Orlando, arriva quella dell'assessore regionale all'Ambiente Mariella Lo Bello. Ma la nave potrebbe finire anche all'estero. Spunta infatti una pista esotica, e cioè quella di una località straniera sul Mediterraneo.

"La Sicilia è pronta ad accogliere nel porto di Palermo la nave Concordia - ha detto l'assessore -. Il presidente della Regione avanzera' subito ufficiale richiesta perche' sia destinata nel capoluogo dove esistono le professionalita' e gli impianti piu' adatti per accogliere questa straordinaria commessa". Così Mariella Lo Bello rispondendo a una delle mozioni in discussione all'Assemblea regionale siciliana.

Un affare milionario. Il porto di Palermo è uno dei porti nei cui cantieri nascono le navi come la Concordia, oltre ad essere una delle sedi strategiche di Fincantieri che, tra l'altro, ha costruito anche i cassoni che serviranno a rimettere in galleggiamento la nave. Potrebbe anche non essere escluso che, nel caso venga scelto Palermo, il porto siciliano sia la penultima tappa del viaggio, con la demolizione della nave e poi l'invio dello 'scheletro' della nave in un altro porto straniero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costa Concordia a Palermo, adesso si muove anche la Regione

PalermoToday è in caricamento