rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

La Costa Concordia resta un rebus: "Opportunità di lavoro per Palermo"

Smantellamento del relitto, inoltrata la richiesta di affidamento ai Cantieri navali. Si "mobilita" anche il sottosegretario allo Sviluppo economico Simona Vicari ("grande chance di rilancio"), ma c'è da vincere il ballottaggio con Piombino

Tempi lunghi, certezze, conferme, smentite. Palermo sembrava aver vinto il ballottaggio con Livorno. Ma poi è spuntata Piombino. Resta un rebus il recupero della Costa Concordia. E intanto si amplia il fronte palermitano che chiede al governo la commessa per lo smantellamento. Questa l'istanza contenuta nel testo approvato dalla conferenza dei capigruppo al Consiglio comunale di Palermo su proposta del Consigliere comunale di Grande Sud, Giuseppe Federico. Passi decisi, in attesa della svolta.

Si unisce al coro anche la senatrice Simona Vicari, sottosegretario allo Sviluppo Economico: “L'affidamento dello smantellamento della Costa Concordia allo stabilimento di Piombino anziché a quello Fincantieri di Palermo rappresenterebbe una decisione dispendiosa ed ingiustificata. Per questa ragione ho inviato una lettera ai ministri dello Sviluppo economico, dell'Ambiente, delle Infrastrutture, del Lavoro, della Coesione territoriale, oltre al presidente della Regione Siciliana ed al sindaco di Palermo, al fine di chiedere con fermezza che il capoluogo siciliano non sia escluso da un'importante occasione di rilancio''.

''Infatti per Palermo - continua il sottosegretario - questa commessa rappresenta una grande opportunità di lavoro. Sono ben 200 gli operai attualmente in cassa integrazione nel sito Fincantieri di Palermo, ed è evidente che lo smantellamento serva a dare nuove risorse a questa struttura”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Costa Concordia resta un rebus: "Opportunità di lavoro per Palermo"

PalermoToday è in caricamento