Gli studenti a fianco dei lavoratori "Pronti alla rivolta popolare"

Un centinaio di giovani hanno preso parte a un corteo partito dalla Cattedrale. I ragazzi si sono uniti ai presidi degli autotrasportatori davanti al porto. Lo scalo è rimasto chiuso per quasi un'ora

Anche gli studenti scendono in piazza accanto agli autotrasportatori. Un centinaio di giovani dei centri sociali sta partecipando al corteo organizzato dal coordinamento degli “Studenti medi”, in segno di solidarietà alle proteste degli autrasportatori dell'Aias e degli agricoltori del movimento dei Forconi.

ORE 12,52
I varchi del porto sono stati riaperti. Gli studenti dopo aver sostato davanti allo scalo sono andati via. La zona continua ad essere presidiata dalla polizia e dai vigili urbani.

ORE 12,35
un gruppo di ragazzi ha bruciato una bandiera tricolore (guarda il video) perche ''simbolo dello Stato italiano, che con le sue manovre finanziarie fatte di lacrime e sangue con aumenti esponenziali delle tasse e del caro vita, sta riducendo in miseria la popolazione, facendo arricchire sempre i soliti 'noti', casta politica in primis, già ricca di privilegi".

ORE 12,20
Il corteo ha percorso le vie del centro storico passando per il Foro Italico. Ora sta confluendo davanti al porto per unirsi al presidio degli autotrasportatori. Lavoratori dei trasporti, studenti medi e attivisti dei centri sociali stanno bloccando l'ingresso allo scalo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ORE 11,00
In testa al corteo, partito dalla Cattedrale, che sta sfilando per corso Vittorio Emanuele, c'è uno striscione con scritto “Rivolta popolare”, e alcune bandiere con il simbolo della Trinacria. “Gli attacchi di questi giorni al “Movimento dei forconi” sono strumentali - dice Federico Guzzo del coordinamento “Studenti Medi” -. Se è vero come qualcuno dice che ci sono dei mafiosi infiltrati, mi chiedo perchè non facciano i nomi. Appoggiamo la protesta contro la crisi e la globalizzazione, perchè noi la viviamo in prima persona”. I manifestanti sono diretti al porto. Corso Vittorio Emanuele è stato momentaneamente chiuso al traffico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • Coronavirus a Palermo, positive due commesse di un negozio

  • "Non ce n'è Coviddi!": ecco il videogioco per salvare Mondello dal virus

  • Tony Sperandeo: "Bestemmio ma vado in chiesa, ho superato la mia disgrazia"

  • Droga, furti ed estorsioni col benestare dei boss: due gruppi si dividevano la città, 20 arresti

  • L’incidente sulla Palermo-Sciacca, giovane motociclista muore in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento