menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lavoratori di Amiaessemme

Lavoratori di Amiaessemme

I dipendenti dell’Amia in corteo Paralizzate le strade del centro

La manifestazione è partita da piazza Castelnuovo per raggiungere Palazzo delle Aquile. Un migliaio i lavoratori, tutti con le pettorine gialle, che chiedono rassicurazioni sul loro futuro. Chiusa la via Ruggero Settimo

Scendono in piazza i lavoratori dell'Amia. Circa un migliaio di manifestanti con le pettorine di Amia Spa e Amia Essemme sono partiti in corteo da piazza Castelnuovo, con fischietti, trombe e tamburi, distribuendo volantini per spiegare le ragioni della protesta, che sta creando rallentamenti nella raccolta. I lavoratori sono diretti a Palazzo della Aquile. Polizia e carabinieri vigilano sulla manifestazione. I vigili hanno chiuso via Ruggero Settimo.

Appoggiata da tutte le sigle sindacali, la manifestazione anticipa il tavolo che si terrà giovedì in prefettura sull'adeguamento del contratto di servizio, la pulizia delle caditoie, e i crediti vantati dall'azienda nei confronti degli Ato di Palermo e Messina 4 e il Comune di Palermo. I lavoratori chiedono assicurazioni sul loro futuro in seguito ai licenziamenti ipotizzati dai commissari straordinari. "Solo l'adeguamento del contratto di servizio vale 8 milioni - ha detto il segretario di Fit Cisl Ambiente, Dionisio Giordano- e con 3,4 milioni che ci spetterebbero dall'Amap per la pulizia delle caditoie, potremmo coprire in parte il buco da 16 milioni dell'azienda. Ancora non si è parlato ufficialmente di numeri per i licenziamenti ma visto che il Comune di Palermo conosceva da anni questa situazione, ora che i nodi sono venuti al pettine, deve intervenire - ha concluso - non possono far pagare solo i lavoratori". Intanto le strade di diversi quartieri della città sono invase dai rifiuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento