menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dipendenti Amia in corteo - foto Campolo

Dipendenti Amia in corteo - foto Campolo

Emergenza rifiuti, gli operai scendono ancora in piazza

Un corteo dei dipendenti di Amia e Amiaessemme è partito intorno alle 15 ed ha raggiunto la Prefettura in via Cavour. Intanto Palermo resta sommersa dai rifiuti e si moltiplicano i roghi ai cassonetti. A rilento gli interventi straordinari con i mezzi del Comune

Continua la vertenza dei dipendenti di Amia e Amiaessemme. Alle 15 i netturbini sono scesi in strada partendo in corteo da piazza Indipendenza fino alla Prefettura in via Cavour. I manifestanti intonano alcuni cori: "L'Amia è nostra e non si tocca", oppure: "T'ho scritto t'amo sulla monnezza" (piuttosto che sulla sabbia).

LEGGI ANCHE: I COMMISSARI PRONTI A DIMETTERSI

La protesta è scattata dopo  la pronuncia del tribunale fallimentare che ha rigettato la richiesta di concordato preventivo per la società partecipata.  Ma secondo i sindacati il rischio fallimento resta dietro l’angolo. Un rischio che fa sorgere fra i lavoratori una grande preoccupazione e tensione sull'immediato futuro e sul mantenimento dei livelli occupazionali. Il sindaco Leoluca Orlando non ha perso l’occasione per attaccare ancora una volta i commissari, rei – secondo lui – di aver portato allo sfascio l’azienda. Il Primo cittadino ha affermato che il Comune è pronto a gestire il servizio garantendo “servizi ai cittadini e livelli occupazionali adeguati ai lavoratori“.

In tutto questo la raccolta procede a rilento. I quartieri sono invasi dai rifiuti e nella notte si moltiplicano gli episodi in cui i cittadini danno fuoco ai rifiuti. Solo la scorsa notte i vigili del fuoco sono dovuti intervenire ben 54 volte (GUARDA IL VIDEO)

ATTESE IN DISCARICA – In una nota l’Amia informa che stamattina gli operatori stanno lavorando a pieni ritmi e i reparti sono coperti ma la raccolta va a rilento sia perché, in molti casi, si interviene manualmente, sia per le notorie problematiche tecniche legate alla discarica che creano incolonnamenti e attese riducendo l’efficienza della discarica del 50%. Si pensi che alle ore 10.37 di stamani hanno scaricato circa 24 compattatori contro i 45 a regime. Inoltre, oggi, oltre al problema dei volumi della discarica che si stanno riducendo, si è aggiunta una ulteriore avaria ad uno dei trituratori che ha arrecato ulteriori disagi ma che nel giro di poche ore è stato riparato.
 
INTERVENTI STRAORDINARI - Per quanto concerne gli interventi straordinari programmati oggi si è intervenuti in via Tiro a Segno (con mezzo AMG), via Pio La Torre angolo Generale Francesco Salemi, via Barisano Da Travi, in itinere interventi in via Lanza di Scalea, via L’Emiro, via Sagittario (con mezzo Coime), via Galletti.

Domani continueranno, anche con il supporto dei mezzi comunali
(Coime, Amg, Amap), gli interventi straordinari, con priorità alle aree in prossimità di scuole su: via Sagittario, via Orsa Maggiore(Falsomiele); via Guido Rossa, via Segugio, via Levriere (Bonagia); Agordat (Uditore); Veneziano (Zisa); via Pollaci, via Terranova ( mezzomorreale); via Fattori, via Florio, via Carta, via Torino, via Dominici(Resuttana); via Stazione San Lorenzo (San Lorenzo); via Collodi, via Lanza di Scalea(Tommaso Natale); via Calcante, via Salgari, Papini (Tommaso Natale). Nel corso della mattinata sono stati conferiti a Bellolampo 380 tonnellate di rifiuti. Quantità che riesce appena a coprire i conferimenti quotidiani e che non porta a recuperare il surplus a terra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento