rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Cronaca

Anniversario della strage di Capaci, associazioni e sindacati in corteo per rifondare l'antimafia

La manifestazione, promossa dalla Cgil, si terrà il 23 maggio e partirà dalla facoltà di Giurisprudenza per giungere in via Notarbartolo. Lo scopo è "dire basta alle passerelle e alle commemorazioni ipocrite" e rivendicare la necessità di inserire la lotta a Cosa nostra "in un contesto più ampio di lotte sociali"

La Cgil promuove per il 23 maggio, in occasione del 31° anniversario della strage di Capaci, assieme ad associazioni, comitati studenteschi, altri sindacati e numerose realtà sociali, scenderanno per le strade di Palermo con un corteo popolare, che partirà alle 15.30 dalla facoltà di Giurisprudenza. Il corteo servirà per "dire basta alle passerelle e alle commemorazioni ipocrite dei martiri di questo Paese, basta al silenzio di Stato sulle stragi e gli omicidi che hanno segnato la nostra storia, basta a una narrazione deviata della lotta alla mafia, che non ci rappresenta", come spiegano gli organizzatori.

La manifestazione "Resistenza popolare per un'antimafia intersezionale" vuole rivendicare "la necessità di inserire la lotta alla mafia in un contesto più ampio di lotte sociali, in una doppia ottica. Da un lato, la ricerca e la pretesa delle verità mancanti sulle stragi (non solo quelle del biennio 1992-1993) per rispondere a una giustizia attesa da decenni; dall'altro, invece, l'analisi della condizione politica, sociale, culturale ed economica in cui vive la Sicilia e il Paese intero. Tanti i diritti per cui lottare: dal diritto alla casa al diritto alla sanità pubblica, dal diritto al lavoro fino alla riqualificazione degli spazi dove abitiamo e studiamo, e molto altro ancora. Un insieme di istanze che rientrano – direttamente o indirettamente – nell'antimafia. Lotta alla mafia, infatti, significa - come si legge in una nota - anche lotta ambientalista, antifascista, antimilitarista, antiatlantista, transfemminista e antirazzista. Significa, inoltre, rifiutare l'impunità di Stato garantita dalle connivenze, dal clientelismo e da sentenze contraddittorie. La città di Palermo è chiamata in corteo per dare vita ad un'antimafia che riparta dal basso: per riappropriarci dei nostri spazi, difendere i nostri diritti e pretendere verità e giustizia".

Il corteo partirà dalla facoltà di Giurisprudenza alle 15.30, farà tappa alle 16 in piazza Verdi, alle 16.30 davanti al Politeama, alle 17 in piazza Crispi e giungerà in via Notarbartolo alle 17.30) per concludersi in via Francesco Lo Jacono alle 18.30.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anniversario della strage di Capaci, associazioni e sindacati in corteo per rifondare l'antimafia

PalermoToday è in caricamento