rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca

"Assunzione contraria al contenimento della spesa pubblica", Corte dei Conti cita in giudizio ex direttore generale Arpa Sicilia

L'ipotesi di danno contestata dai magistrati contabili a Francesco Licata di Baucina ammonta a oltre 98 mila euro

La Procura regionale della Corte dei conti per la Regione Siciliana, diretta da Gianluca Albo, ha citato in giudizio l’ex direttore generale dell’Arpa Sicilia Francesco Licata di Baucina. Nello specifico, secondo le indagini dei carabinieri del nucleo investigativo del Comando provinciale di Palermo, si legge in una nota della segreteria del procuratore regionale della Corte dei conti, "Licata di Baucina ha posto in essere un complesso schema contrattuale per procedere all’assunzione a termine, come dirigente dell’Arpa Sicilia, di un funzionario dell’Ispra, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, non appartenente al ruolo della dirigenza, così violando le previsioni di legge in materia di contenimento della spesa e di mobilità del personale pubblico".

"Le indagini dei carabinieri, tra le altre anomalie e violazioni - prosegue la nota - hanno inoltre permesso di accertare che il suddetto funzionario esterno, poi nominato dirigente, era stato individuato quale destinatario dell’incarico ancor prima della pubblicazione del bando pubblico per la ricerca di personale qualificato a ricoprire l’incarico dirigenziale, e che l’unico dipendente regionale che aveva partecipato all’interpello era invece stato escluso con motivazioni pretestuose. L’ipotesi di danno complessivamente contestata ammonta ad euro 98.693,22".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Assunzione contraria al contenimento della spesa pubblica", Corte dei Conti cita in giudizio ex direttore generale Arpa Sicilia

PalermoToday è in caricamento