menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Capace, 24 anni, foto tratta da Facebook

Francesco Capace, 24 anni, foto tratta da Facebook

Corso dei Mille, litiga con il fratello e finisce contro una vetrata: muore ragazzo di 24 anni

A perdere la vita è stato Francesco Capace. Nell'urto, una lastra di vetro gli ha reciso un'arteria. Inutile la corsa in ospedale. Sull'episodio indaga la polizia

Una lite tra fratelli si è trasformata in tragedia, con la morte di un ragazzo di soli 24 anni. A perdere la vita è stato Francesco Capace, deceduto nella notte tra lunedì e martedì al Policlinico.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti tutto è accaduto domenica scorsa, intorno all'ora di pranzo. Il giovane era in casa, un appartamento di corso dei Mille, con i familiari. Per motivi ancora da chiarire (per un pacchetto di sigarette?), ha litigato con il fratello ed è finito accidentalmente - secondo quanto raccontato da chi ha assistito alla scena - contro una porta a vetri. Nell'urto, il ragazzo è rimasto gravemente ferito. Una lastra lo ha colpito in pieno recidendo un’arteria. Immediatamente soccorso, è stato condotto al Buccheri La Ferla, da qui il trasferito all'unità di chirurgia vascolare del Policlinico. Le ferite riportate erano però troppo gravi e per il giovane non c'è stato nulla da fare.

Sulla vicenda il pm Emanuele Ravaglioli ha aperto un'inchiesta e sono in corso gli accertamenti della Squadra Mobile. Secondo quanto reso noto, la tesi privilegiata è quella dell'incidente domestico. Gli inquirenti stanno sentendo i familiari per verificare l'esatta dinamica dei fatti ed eventuali responsabilità. Al momento contro il fratello non è stato preso alcun provvedimento. Ma gli investigatori vogliono vederci chiaro: e sono al lavoro per capire se quanto raccontato dai familiari corrisponda a verità.

Sconvolti gli amici, che hanno espresso tutto il loro dolore sulla bacheca Facebook della vittima. "Sto venendo a salutarti per l'ultima volta, amico mio. Io ancora non ci credo... Riposa in pace compà non mi aspettavo che te ne andavi così e non ci posso credere né ora e né mai"."Francesco era un ragazzo pieno di vita, che portava la gioia in tutti noi è assurdo fare una fine del genere". "Per me era come un fratello una persona d'oro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento