Corso Calatafimi, sei famiglie senza casa occupano una palazzina

Tempestivo l'intervento degli agenti che hanno provveduto a sgomberare i senzatetto. Si tratta di una costruzione che è stata assegnata alla polizia per realizzare un commissariato, nei pressi dell'ex ospedale militare

Un gruppo composto da sei famiglie senza casa, nelle prime ore del mattino, ha occupato alcuni locali militari in disuso in corso Calatafimi. Si tratta di una costruzione che è stata assegnata alla polizia per realizzare un commissariato.

Siamo nei pressi dell'ex ospedale militare. Subito dopo, prima di mezzogiorno, è intervenuta la polizia che ha fatto sgomberare gli spazi occupati abusivamente. Una delle tante strutture che le stesse famiglie, probabilmente aiutate da una regia occulta, individuano girovagando per la città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento