Cronaca Calatafimi / Corso Calatafimi

Corso Calatafimi, rubano portafogli a una donna in un supermercato: arrestati

A finire in manette sono stati due stranieri dell'Est Europa di 41 e 36 anni. La polizia li aveva notati mentre in modo sospetto avevano più volte fatto ingresso in numerosi esercizi commerciali. I due sono stati colti in flagrante

Il materiale rinvenuto durante la perquisizione in casa

La polizia ha arrestato M. S., 36 anni, e K. P., 41, entrambi dell'Europa dell'Est, per i reati di "furto aggravato in concorso, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e ed introduzione di monete falsificate". Gli agenti del Commissariato di “Portanuova” hanno notato due individui in corso Calatafimi che, in modo sospetto, hanno più volte fatto ingresso in numerosi esercizi commerciali.

I poliziotti, dubitando che si trattasse di semplici clienti, hanno osservato attentamente i due, seguendo ogni loro movimento in modo discreto.
Dopo circa un’ora di andirivieni tra corso Calatafimi e piazza Indipendenza gli uomini, hanno individuato come bersaglio una donna che aveva riposto la sua borsa nel proprio carrello ed era impegnata a scegliere della merce, e così sono entrati in azione. Il 41enne, sfruttando  un momento di disattenzione della cliente, ha aperto la borsa rubando il portafogli, mentre il complice, ignaro di esser osservato a distanza dai poliziotti, gli copriva le spalle. Poi la fuga.

Gli agenti però hanno seguito i due e li hanno bloccati. Eseguita la perquisizione personale, gli agenti hanno rinvenuto addosso al 41enne il portafogli, poco prima rubato e, nel borsello del complice una calamita per la rimozione delle placche antitaccheggio, due grimaldelli, due dispositivi di serraggio ed un portafogli contenente diverse banconote estere. Nella perquisizione domiciliare gli agenti hanno trovato, all’interno di valigie e cassetti, strumenti per lo scasso, un pc portatile, cinque telefonini di ultima generazione, occhiali di varie griffe, portafogli, numerose chiavi di porte d’ingresso ed autovetture, strumenti di precisione, parecchie serrature di porte blindate, con relativi grimaldelli, probabilmente utilizzate per la realizzazione di artigianali chiavi adulterate.  I due sono stati portati all'“Ucciardone”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corso Calatafimi, rubano portafogli a una donna in un supermercato: arrestati

PalermoToday è in caricamento