Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Corse clandestine, l'assessore Pennino: "Simbolo del degrado di Palermo, ora una task force"

Dopo la folle corsa all'Albergheria arrivano le dichiarazioni dell'esponente della giunta Lagalla, che punta il dito contro lo sfruttamento dei cavalli e dei pony: "Scene indegne di una città civile, collaboreremo con le forze dell'ordine"

"Le immagini delle corse clandestine che nelle ultime ore abbiamo visto rimbalzare sui social offrono un triste spaccato del degrado sociale che connota la nostra città, caratterizzato da una grave forma di inciviltà pericolosa sia per gli animali maltrattati, usati come oggetto di ludibrio, sia per i cittadini". Comincia così la nota dell'assessore alle Attività sociali, con delega ai diritti degli animali, Rosalia Pennino, che interviene sulla vicenda della folle corsa clandestina all'Albergheria, conclusa con lo schianto del calesse trainato da un pony contro un'auto.

Secondo quanto si vede nel video, postato su Instagram, la gara si è svolta in orario notturno in via Mongitore in mezzo alle auto. Da quanto si nota nel filmato, uno dei due guidatori non è riuscito a rallentare né a scansare un'auto che lo precedeva. Uno scontro violentissimo dopo il quale il driver è volato in aria. 

"Troppe volte abbiamo assistito a scene di questo genere, indegne di una città civile e ci auguriamo che le autorità competenti possano individuare i responsabili - dice Rosalia Pennino -. All’atto del mio insediamento come assessore, con la delega al benessere degli animali, per affrontare meglio sul territorio ogni tema concernente la loro incolumità e il loro star bene, ho voluto al mio fianco due figure, che seppur a titolo gratuito, analizzassero le criticità e individuassero, insieme a me, le strategie per la risoluzione o almeno per il contenimento del problema. Le criticità sono davvero molteplici e profondamente radicate: tra queste c’è lo sfruttamento dei cavalli e dei pony, oggetto della nostra continua interlocuzione con le forze dell’ordine, con cui oltre ad avviare un serrato lavoro di indagine, attiverò nelle prossime settimane una task force di collaborazione".

Gli investigatori, appresa l'esistenza del video della folle corsa all'Albergheria, hanno avviato le indagini per risalire all'identità dei due sfidanti e dei tanti che, a bordo di scooter, hanno seguito la gara "Vorrei che fosse chiaro - dice l'assessore - che il Comune di Palermo non è indifferente a questa ignominiosa pratica ed è impegnato nella difesa della legalità a ogni livello. Ora, la recente riforma dell'articolo 9 della Costituzione attribuisce alla Repubblica il compito di tutelare la biodiversità e i diritti degli animali. Il mio auspicio è che lo Stato, adesso, colmi il gap più importante in materia, sancendo cioè che i delitti in danno del sentimento per gli animali, diventino, più opportunamente, delitti in danno degli animali, offesi come individui ed esseri senzienti, non come oggetti. Solo così si arriverà ad una svolta vera che cambierà la cultura del rispetto verso gli animali sovvertendo, a tutti i livelli, le annose lacune tanto della nostra terra, dove forse sono più profonde, quanto di tutto il territorio nazionale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corse clandestine, l'assessore Pennino: "Simbolo del degrado di Palermo, ora una task force"
PalermoToday è in caricamento