rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca

Carcere Pagliarelli, tentano di corrompere agente: detenuti a giudizio

Avevano chiesto di portare della droga all'interno della struttura penitenziaria. Poi la denuncia e le indagini

Due detenuti del carcere Pagliarelli hanno tentato di corrompere un agente della polizia penitenziaria. Avevano chiesto di portare nel carcere palermitano della droga. Per il poliziotto ci sarebbe stata una ricompensa 500 euro. Un primo tentativo, secondo le indagini condotte dalla stessa polizia penitenziaria diretta dal commissario Giuseppe Rizzo che ha raccolto elementi per chiedere e ottenere il rinvio a giudizio per i due detenuti.

L’operazione denominata Fidelitas è iniziata il 3 luglio del 2019. A segnalare il tentativo di corruzione lo stesso agente di polizia penitenziaria che ha raccontato che i due detenuti lo avevano anche minacciato di ritorsioni se si fosse rifiutato.

"Attraverso le indagine del comando - spiegano dalla polizia penitenziaria - si è ricostruito che i due avrebbero voluto la droga da vendere agli altri detenuti". Uno degli imputati, ha precedenti in materia di comunicazioni fraudolenti: mentre si trovava rinchiuso in un altro carcere gli sono stati sequestrati due telefoni cellulari. I due detenuti adesso sotto processo sono stati trasferiti in altre carceri nel trapanese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere Pagliarelli, tentano di corrompere agente: detenuti a giudizio

PalermoToday è in caricamento