Cronaca

Coronavirus, tampone obbligatorio anche per chi arriva da Malta

Così ha deciso il presidente della Regione firmando un'ordinanza che estende la misura già prevista per i viaggiatori in arrivo dal Regno Unito, dalla penisola iberica e da alcuni paesi extra Ue. Musumeci: "Green pass e modello francese? Non sono convinto, meglio monitorare servizi e ingressi in Italia e in Sicilia"

Tampone obbligatorio non solo per chi proviene dal Regno Unito e dalla penisola iberica ma anche per i viaggiatori arrivati da Malta o per coloro che sono stati lì nei 14 giorni precedenti. Così ha deciso il presidente della Regione, Nello Musumeci, che ha firmato un’ordinanza prorogando anche la zona rossa a Mazzarino e istituita quella a Riesi, in provincia di Caltanissetta. Le stesse misure di prevenzione, vista l’insidia costituita dalla variante Delta, sono già previste a livello nazionale per chi arriva da paesi extraeuropei come India, Brasile, Bangladesh e Sri Lanka.

Sull’ipotesi di adottare il "modello francese", ovvero di subordinare - fra le altre cose - la possibilità di frequentare bar e ristoranti solo con il green pass, il governatore siciliano appare scettico: "La libertà dei cittadini trova la massima espressione nel rispetto dei diritti di tutti. Il modello francese non mi convince del tutto, perché sono contrario a prevedere misure che non possono essere assicurate da adeguati controlli. Dire oggi che per entrare in un pub ci vuole il green pass mi fa dire: chi controlla? Parliamo di cose fattibili: credo sia più logico tutelare i servizi essenziali e monitorare gli ingressi in Italia e in ogni Regione, estendendo il green pass alle attività sociali dove esistono grandi assembramenti e dove i controlli possano essere davvero effettivi ed efficaci".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, tampone obbligatorio anche per chi arriva da Malta

PalermoToday è in caricamento