menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nicolò Nicolosi

Nicolò Nicolosi

Si era vaccinato prima dei malati, il sindaco di Corleone annuncia le dimissioni

Nicolò Nicolosi ha annunciato il passo indietro e si giustifica così: "Mi ero immunizzato in modo consapevole, non tanto per tutelare la salute, quanto perché preoccupato, se infettato, di dovere trascurare il lavoro". Razza: "Il direttore sanitario dell'ospedale sarà sospeso"

Il sindaco di Corleone  Nicolò Nicolosi ha annunciato per domani le sue dimissioni, dopo le polemiche sollevate per il vaccino fatto insieme con tutta la giunta. Il primo cittadino ha convocato per domani alle 10.30 la giunta e "presenterà le sue dimissioni". Ieri il sindaco aveva confermato di avere "ricevuto la prima dose di vaccino l'8 gennaio e la dose di richiamo il 31 gennaio".

"Ha fatto il vaccino in modo consapevole, non tanto per tutelare la salute, quanto perché preoccupato, se infettato, di dovere trascurare per un tempo non breve l'attività amministrativa, in un momento in cui i molteplici impegni, derivanti anche dalla diffusione del virus, oltre che da tutte le altre attività che si stanno portando avanti, imponeva una presenza costante sul campo, cosa che ha consentito non solo di fronteggiare con prontezza l'emergenza, ma nel contempo di ottenere cospicui finanziamenti per risolvere annose questioni legate alle infrastrutture, al decoro urbano, agli impianti sportivi, alla illuminazione pubblica e tanto altro di cui si è dato conto al Consiglio comunale e alla città", aveva detto ieri.

Peraltro il sindaco, nella sua qualità di presidente della Conferenza dei sindaci della sanità provinciale, "ha subito segnalato al presidente della Regione Musumeci e all'assessore alla Sanità Razza la necessità di equiparare i sindaci e gli amministratori locali agli operatori sanitari e quindi inserirli nella prima fascia dei soggetti da proteggere proprio per i compiti che sono chiamati ad assolvere anche in relazione alla tutela della salute della comunità amministrata".

Pertanto il sindaco rivendica "la correttezza dettata dall'esigenza di quanto in premessa della scelta compiuta, sottolineando che egli non è mai mancato un giorno nello svolgimento delle sue incombenze di sindaco nella direzione delle attività amministrative. Ribadisce scelta compiuta consapevolmente per evitare che l'eventuale contatto con il virus lo potesse costringere ad abbandonare il posto in trincea, che tutti i sindaci e gli amministratori locali hanno il dovere di presidiare sempre e in particolare nei periodi di grave emergenza quale quella attuale". "Ben venga quindi l'approfondimento delle indagini in corso che servirà a chiarire le ipotizzate responsabilità".

Razza: il direttore sanitario dell'ospedale sarà sospeso

Sulla vicenda è intervenuto l’assessore regionale per la Salute, Ruggero Razza. “Dalla prima ricostruzione dei fatti di Corleone - ha detto - è emerso che il direttore sanitario dell’ospedale, in violazione della circolare emanata, ha proceduto alle dosi di richiamo a quanti, tra cui il primo cittadino, non avevano diritto neppure alla prima. È stato così violato un provvedimento regionale che è stato consolidato da una pronuncia del Tar. Per questa ragione ho dato mandato al direttore generale dell’Asp di Palermo di procedere alla sospensione del dirigente e di avviare i procedimenti disciplinari conseguenti. Non mi consola che esempi analoghi si stiano delineando in tutto il territorio nazionale. Lo sforzo di migliaia di medici, volontari e cittadini non può essere vanificato da posizioni personali e, soprattutto, da operatori che non tengono in alcuna considerazione le decisioni assunte. La Regione non può decidere di violare il calendario vaccinale e non può farlo nessuno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento