Cronaca

Si vaccinò prima dei malati, ora il sindaco di Corleone si autodenuncia alla Procura

Nicolò Nicolosi - che aveva annunciato le sue dimissioni, poi ritirate, a seguito del polverone mediatico - chiede che vengano espletate "le opportune indagini per valutare la sussistenza di eventuali comportamenti illegittimi"

Nicolò Nicolosi

Il sindaco di Corleone, Nicolò Nicolosi, si è autodenunciato alla procura di Termini Imerese per la vicenda della somministrazione del vaccino anti Covid. Nicolosi, che aveva annunciato le sue dimissioni, poi ritirate, a seguito del polverone mediatico sollevatosi per quella vaccinazione, ha presentato un'autodenuncia con l'obiettivo di arrivare a "una pronuncia giudiziale in merito alla eventuale rilevanza penale della vicenda".

Nicolosi ritiene di "non aver utilizzato la propria carica istituzionale per ottenere la somministrazione del vaccino, anche perche' - scrive - mai richiesta a chicchessia". Il sindaco di Corleone chiede quindi alla procura di Termini Imerese di espletare "le opportune indagini" per "valutare la sussistenza di eventuali comportamenti illegittimi".

Nicolosi ha ricevuto la prima dose del vaccino l'8 gennaio e la seconda il 31 dello stesso mese. "Sono state diffuse dai mass media notizie destituite di ogni fondamento e comunque distoniche rispetto alla realtà dei fatti", si legge nella denuncia del sindaco di Corleone che ribadisce di non avere mai messo in atto comportamenti volti a "superare l'ordine delle categorie che avevano per prime diritto alla somministrazione del vaccino".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si vaccinò prima dei malati, ora il sindaco di Corleone si autodenuncia alla Procura

PalermoToday è in caricamento