rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

I medici di famiglia contro la Regione: "Troppo caos e noi senza vaccini per i fragili"

A protestare è la Fimmg (Federazione italiana dei medici di famiglia), che parla senza mezzi termini di "spreco di risorse e mezzi a discapito dei più vulnerabili" e di "un’organizzazione senza obiettivi e senza regole"

"Un caos organizzativo. Decine di medici di famiglia che avevano programmato la vaccinazione contro il Covid dei propri pazienti, seguendo la regola della priorità di somministrazione in base al target, anche oggi non hanno potuto ritirare le dosi richieste nei tempi stabilit". A sollevare il caso è la Fimmg (Federazione italiana dei medici di famiglia), che parla senza mezzi termini di "spreco di risorse e mezzi a discapito dei più fragili e vulnerabili".

Per la Fimmg "Lo stop agli 'open day' Pfizer e Moderna è arrivato troppo tardi. Ritrovarsi senza dosi a causa degli 'open day', che hanno consentito di somministrare vaccini Pfizer e Moderna a qualunque soggetto over 50 senza prenotazione e criterio scientifico, oggi significa non potere vaccinare chi ne ha più bisogno. Un’organizzazione senza obiettivi e senza regole, che non mette in sicurezza i vaccini programmati per mettere al riparo con le prime o le seconde i più vulnerabili, mette a rischio l’intera campagna vaccinale, mortificando i medici di famiglia. Tutto questo continua ad accadere perché si continua a mettere all’angolo, senza alcun criterio, la vaccinazione di prossimità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I medici di famiglia contro la Regione: "Troppo caos e noi senza vaccini per i fragili"

PalermoToday è in caricamento