Vaccini anti Coronavirus, l'associazione famiglie disabili: "Persone fragili abbiano priorità"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Dare giusta priorità a tutte le persone con disabilità psichica e intellettiva che hanno necessità del vaccino contro il Covid-19". A sottolinearlo con forza è l'associazione Avofid (Associazione Volontariato Famiglie Italiane Disabili) e alcuni familiari di disabili gravi. L'Avofid con il suo centro diurno "Villa Doroty" ospita 14 disabili gravi. "Siamo genitori disperati che si rivolgono alle autorità - dicono - affinché a questi giovani e meno giovani sia data la priorità assoluta per la vaccinazione anti Covid-19. Non è possibile immaginare questi ragazzi che contraggono il Covid, intrattenuti in un letto di ospedale o intubati. La maggiore possibilità di infettarsi è dovuta a non poter accettare di indossare la mascherina, e non socializzare sta diventando una cosa insostenibile". 

Torna su
PalermoToday è in caricamento