menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stop a mercatini e vendita di alcolici dopo le 18, il Tar: "Ordinanza valida e utile contro il Covid"

I giudici hanno respinto la richiesta di sospendere con urgenza il discusso provvedimento del sindaco dopo il ricorso presentato da un commerciante sanzionato. "Serve a contenere le occasioni di assembramento idonee ad agevolare la diffusione del virus attraverso un sacrificio contenuto dell’attività di commercio"

Il Tar ha respinto, con un decreto della seconda sezione, la richiesta di sospensione d'urgenza della recente ordinanza comunale che ha disposto fino a domani la chiusura di alcuni mercati rionali e la vendita, in tutto il territorio cittadino, di alcolici dopo le 18. La richiesta era stata presentata da un commerciante sanzionato dalla polizia municipale. Resta quindi valido il tanto discusso provvedimento del sindaco, Leoluca Orlando, contestato tra gli altri da Prezzemolo&Vitale, multato sabato per aver venduto una bottiglia di vino oltre l'orario consentito.

Nel decreto del tribunale amministrativo, firmato dal presidente Nicola Maisano, si legge: "Considerata la crisi sanitaria in atto, considerato il recente aggravamento della situazione che si è registrato nel comune di Palermo, considerato che, nel necessario contemperamento degli interessi contrapposti, ad una valutazione propria della presente fase, l’ordinanza impugnata non appare né irragionevole né sproporzionata, in quanto utilmente diretta a contenere le occasioni di assembramento idonee ad agevolare la diffusione del virus che ha determinato l’attuale crisi sanitaria, attraverso un sacrificio contenuto dell’attività di commercio". L'udienza di merito è stata fissata per il prossimo 9 aprile, ma al momento i giudici non hanno ravvisato elementi per sospendere in via cautelare l'ordinanza.

Proprio ieri, invece, il giudice di pace aveva deciso al contrario di sospendere il verbale inflitto a Prezzemolo&Vitale, accogliendo la richiesta degli avvocati Alessandro Palmigiano, che rappresenta la società assieme ai colleghi Ornella Sarcuto e Lucio Savagnone. Questo ha consentito la riapertura del punto vendita di via Principe di Villafranca, per il quale i vigili avevano invece disposto la chiusura per cinque giorni. Anche in questo caso, però, il giudice entrerà nel merito in un'altra udienza, fissata per giugno. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento