Rischio Covid tra i poliziotti, il sindacato Coisp: "Tamponi a tappeto per tutti gli agenti"

Per il momento i controlli sanitari si basano soltanto su test sierologici volontari: "Sono misure inadeguate che rischiano di determinare contagi difficilmente contenibili"

Controlli della polizia a Lampedusa (foto archivio)

Tamponi a tappeto per tutto il personale della polizia e non più solo uno screening su base volontaria. A chiederlo, dopo la notizia dell'agente risultato positivo al Covid-19 dopo aver prestato servizio nell'hotspot di Lampedusa, è il segretario generale provinciale del Coisp Palermo, Sergio Salvia. Secondo il sindacato servirebbe peraltro uno speciale protocollo con l'assessorato regionale alla Sanità "che consenta al personale della polizia di essere sottoposto a tampone ogni qualvolta venga impiegato in servizi di assoluta criticità sanitaria".

"Durante questa pandemia - spiega Salvia in una nota - il Coisp ha denunciato a più riprese le condizioni di lavoro ed i rischi sanitari ai quali vengono esposti quotidianamente uomini e donne in divisa. I temuti casi di contagio si sono purtroppo già verificati tra gli operatori della polizia rientrati dai servizi svolti presso l'hotspot di Lampedusa evidenziando l'inadeguatezza delle misure sanitarie finora adottate nei confronti del personale. La polizia interagisce quotidianamente con i cittadini e non opera in smartworking" e "questo impone un'adeguata profilassi sanitaria". Anche perché, come sottolinea il sindacato, "nel corso della gestione dei migranti, del controllo del territorio, dei servizi di ordine pubblico e di frontiera come nelle attività proprie dell'ufficio Immigrazione, di fotosegnalamento e di tanti altri servizi svolti a contatto con la cittadinanza diventa quasi impossibile mantenere il distanziamento sociale".

Salvia conclude rimarcando che "il continuo lesinare di risorse pubbliche nella tutela sanitaria dei poliziotti denota una mancanza di rispetto per i servitori dello Stato ed una miopia sociale inaccettabile" anche in considerazione del fatto che "il pressapochismo imperante su tale questione può determinare contagi difficilmente contenibili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento