menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Circhi fermi da un anno, l'Sos: "Anche gli animali 'senza lavoro' e senza cibo"

Le attività non sono mai riprese dopo il primo lockdown e gli addetti ai lavori sono tornati a chiedere aiuto: "Cerchiamo il sostegno di istituzioni e imprenditori dell’Isola"

Luci spente, niente spettacoli, niente risate, silenzio irreale tra i tendoni. Tra i settori bruscamente fermati dalla pandemia c'è quello del circo. Le attività non sono mai riprese dopo il primo lockdown e gli addetti ai lavori sono tornati a chiedere aiuto: "Cerchiamo il sostegno di istituzioni e imprenditori dell’Isola". Un "Sos" per i ristori che non sono arrivati, per potere sfamare gli animali. 

I circensi ieri si sono ritrovati presso il circo al Forum per lanciare "Un ruggito di aiuto dagli animali dei circhi siciliani”. Nel corso di un incontro alla Regione è invece emersa la disponibilità da parte dell'assessore regionale al Turismo, sport e spettacolo Manlio Messina ad aiuti economici a fondo perduto, semplificazione delle procedure burocratiche per le riaperture in zona gialla e sgravio fiscale.

Quello delle derrate alimentari è uno dei problemi che inizia a pesare maggioramente. "Ci servono fieno e carne per i felini e non solo – spiega Marcello Marchetti, delegato dell’ente nazionale circhi per la Sicilia -. In tutto questo periodo siamo stati affiancati con moltissima generosità dalla Coldiretti Sicilia e dell’Enpam, ma con la crisi economica e la siccità anche loro sono in seria difficoltà ad aiutarci”. Sei i tendoni in Sicilia tra Palermo, Misterbianco, Catania, Messina e Campobello di Licata con animali di tutte le specie tra cui elefanti indiani e africani, tigri reali del Bengala, ippopotami, pellicani, serpenti, coccodrilli, cammelli, dromedari e cani.

Marchetti lancia anche un appello al presidente del Consiglio, Mario Draghi: "In Sicilia presenti il 10% dei circhi Italiani. Non si dimentichi anche lei di noi e dei nostri lavoratori".

Nel frattempo continua anche l'impegno di padre Ugo di Marzio, che da mesi è in prima linea in questa battaglia. A disposizione anche il conto corrente della parrocchia Maria SS  delle Grazie Palermo IBAN : IT 78k 02008 04618 00010 4202085, causale "donazione cibo circo" . 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento