Coronavirus, tre sedi Cgil aperte per aiutare chi deve fare domanda per i buoni spesa

Il sindacato offre consulenza a chi è stato avvisato dal Comune, tramite sms, per verificare e inoltrare nuovamente le richieste online rigettate a causa di errori nella compilazione

Oggi e domani tre sedi della Cgil aperte per aiutare le famiglie nella domanda di aiuti alimentari da inoltrare al Comune. La sede della Camera del Lavoro, via Meli, 5, e gli sportelli Cgil di Brancaccio, corso dei Mille 789, e dello Zen, via Gino Zappa 126, sono aperti mattina e pomeriggio per fare fronte alle migliaia di richieste di quanti devono verificare i requisiti per completare la domanda. Possono presentarsi agli sportelli coloro che sono stati avvisati, tramite sms dal Comune, per verificare e inoltrare le domande on line in precedenza presentate ma rigettate a causa di errori nella compilazione. Le nuove domande potranno essere presentate solo a partire da giorno 20 aprile.

"Continua l'impegno della Cgil in difesa delle fasce più deboli della nostra popolazione, all'insegna della cittadinanza attiva e della collaborazione tra istituzioni, più che mai necessaria in un momento di emergenza come questo in cui la salute, la sicurezza e i bisogni delle persone devono essere messi al primo posto – dichiara il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo – Agli sportelli, i nostri operatori daranno piena assistenza a chi ha i requisiti per accedere ai benefici per gli aiuti alimentari, per l'integrazione e la rettifica delle autocertificazioni, in caso di errori riscontrati nelle istanze già inviate al Comune. La Cgil c'è, per l'affermazione dei diritti di tutti e nella lotta alle diseguaglianze sociali – aggiunge Enzo Campo - e con l'esperienza dei servizi che il nostro patronato con i suoi operatori qualificati quotidianamente offre a cittadini, lavoratori e pensionati. Le nostre sedi sono pronte ad andare incontro alle esigenze di chi in queste settimane di grave e inedita crisi sociale si è impoverito e ha bisogno di essere tutelato, informato, sostenuto e di non essere lasciato da solo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In considerazione del fatto che questo tipo di assistenza non rientra, in alcun modo, tra le attività ministeriali che i patronati sono tenuti a garantire – conclude Enzo Campo - sento di dover ringraziare, a nome di tutta la Cgil, gli operatori dell’Inca Cgil e quanti si stanno adoperando e impegnando in questa emergenza, superando anche le naturali paure di contagio che in questo momento legittimamente investono ciascuno di noi. #celafaremo soltanto se ci impegneremo #tuttinsieme ciascuno per la sua parte poiché, potrebbe apparire retorico ma così non è, #nessunosisalvadasolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: positiva un'infermiera all'Ingrassia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento