Coronavirus, sì alla sospensione dei cantieri edili: "Ma serve l'ok dell'appaltatore"

Lo ha chiarito Provveditore Interregionale alle Opere Pubbliche di Sicilia e Calabria, Gianluca Ievolella, rispondendo ad una lettera del presidente di Ance Palermo Massimiliano Miconi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"E' positivo che l’ultimo decreto del governo permetta di tenere aperti i cantieri edili quando si possono garantire condizioni di sicurezza, purtroppo ciò spesso non è possibile e, in questi casi, le imprese non possono pagare per i ritardi nel completamento delle opere".

E' questo il senso di alcune lettere inviate dal presidente di Ance Palermo, Massimiliano Miconi, al Provveditore Interregionale alle Opere Pubbliche di Sicilia e Calabria, Gianluca Ievolella. Il quale, per quanto riguarda i cantieri gestiti dai suoi uffici, ha disposto che "su richiesta dell’appaltatore, si potrà procedere alla sospensione dei lavori (ai sensi del comma 1 dell'art.107 del Codice)”. Bisognerà, però, specificare - scrive l’ingegnere Ievolella - che la sospensione è stata richiesta dall’impresa e che l'amministrazione vi acconsente, senza che ad essa possano essere addebitati maggiori oneri o costi, eventualmente sostenuti dall’impresa".

Uno dei problemi evidenziati da Miconi era, infatti, che in molti cantieri non è possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro, imposta dalla norma per contrastare il Corona virus  e,  anche con l’adozione di strumenti di protezione individuale, in alcuni casi è inevitabile dover ridurre il numero degli addetti presenti nel cantiere, con la conseguenza che, nel primo caso, i lavori si devono fermare, mentre nel secondo caso i tempi di esecuzione si allungano oltre i termini contrattuali di ultimazione. A fronte di tutto ciò si verifica che, in molti casi, gli Enti Appaltanti pubblici, ma soprattutto i committenti privati, si rifiutino di sospendere i lavori o di concordare un maggior tempo per l’esecuzione degli stessi, minacciando l’inadempienza contrattuale.

"E' necessario, quindi, - scrive Miconi nella nota inviata al presidente nazionale Gabriele Buia, affinché intervenga presso il Governo - poter disporre di una norma di legge che consenta  alle imprese di poter certificare, anche con un accordo sindacale di cantiere, l’impossibilità di proseguire i lavori o l’allungamento dei tempi degli stessi, senza incorrere in penali e risoluzioni contrattuali". In una seconda lettera, inviata all’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, il presidente Miconi chiede che una disposizione analoga a quella del Provveditore venga inviata dall’assessore agli uffici di competenza dell’assessorato o soggetti al suo controllo.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento