Virus, sindaco di Cinisi attacca Musumeci: "Distribuzione mascherine operazione mediatica"

Il primo cittadino Giangiacomo Palazzolo critica la modalità con cui le amministrazioni locali sono state rifornite di protezioni: "Contraddittorio dire che bisognerà utilizzarle nei prossimi mesi e consegnarne ai cittadini una che potrà essere utilizzata una sola volta. Servirebbero meno azioni simboliche e più strategiche"

Nelle scorse settimane il presidente della Regione aveva duramente attaccato il governo nazionale per la fornitura di mascherine, ritenute inadeguate. E lo aveva fatto in diretta tv, su La7. Adesso lo stesso Musumeci a ricevere critiche pubbliche, stavolta su Facebook, per le mascherine inviate ai Comuni perchè siano distribuite ai cittadini. Ad alzare la voce è il primo cittadino di Cinisi, Giangiacomo Palazzolo.

"Non riesco a comprendere l'utilità di una distribuzione 'simbolica' di mascherine monouso. Forse sarebbe stato meglio consegnare ai siciliani dispositivi di protezione diversi e magari prodotti in Sicilia", dice Palazzolo, sindaco della cittadina alle porte di Palermo e membro del comitato promotore nazionale di Azione.

Coronavirus, Musumeci: "Una mascherina per ogni siciliano"

"Come sindaco - spiega Palazzolo - ho ricevuto dalla Protezione civile regionale un carico di 13.400 mascherine per i miei concittadini. Si tratta di mascherine chirurgiche monouso corredate di istruzioni in cinese, in confezioni sterili da dieci pezzi. Quando mi è arrivato il carico, mi sono comportato da buon padre di famiglia e ho verificato il contenuto per capire come distribuirle. Dentro ogni scatolone ci sono delle buste sigillate, ognuna con 10 mascherine sterilizzate. Non possono essere distribuite singolarmente, ma per busta (per evitare la contaminazione ndr) operazione. E' un errore sanitario aprire le buste sterilizzate e consegnarle singolarmente. Avendo 1.340 buste quindi dovrò individuare dei criteri per la distribuzione. Partirò dalle fasce deboli".

Palazzolo spiega quindi che una parte delle famiglie (individuate come "deboli") riceverà le mascherine nella confezione da dieci. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non voglio fare polemica - aggiunge poi Palazzolo - però mi sembra decisamente contraddittorio dire che bisognerà utilizzare le mascherine nei prossimi mesi e consegnarne ai cittadini una che potrà essere utilizzata una sola volta. Forse servirebbero meno azioni simboliche e più strategiche. Ad esempio, si sarebbe potuto puntare su quelle aziende siciliane che stanno producendo mascherine lavabili con il doppio risultato di aiutare la nostra economia e di dare un dispositivo riutilizzabile ai siciliani. Con istruzioni in italiano magari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento