Sospetto caso di Covid al liceo Dolci: stop ai corsi di recupero e nuova sanificazione

Una collaboratrice scolastica dell'istituto di Brancaccio è risultata positiva dopo essersi sottoposta al test sierologico e si attende l'esito del tampone. Nel frattempo, le attività in presenza sono state sospese e svolte a distanza

La campanella che segna l'inizio del nuovo anno scolastico non è ufficialmente suonata, ma c'è la prima interruzione delle attività in presenza per il liceo Dolci, a Brancaccio. Una collaboratrice scolastica è risultata positiva al Coronavirus dopo essersi sottoposta al test sierologico. Adesso si attende la conferma del tampone. Nel frattempo, i corsi di recupero in presenza sono stati sospesi e svolti a distanza. Anche l’ingresso al pubblico è vietato. L’edificio era già stato sanificato, ma adesso l'operazione verrà ripetuta .

Sul sito internet dell'istituto di via Fichidindia è comparso un avviso che recita: "Si comunica agli utenti che la scuola rimarrà chiusa al pubblico, fino all'inizio delle attività didattiche previste per giorno 14 Settembre 2020, per sanificazione e disinfezione dei locali scolastici".

liceo Dolci avviso chiusura-2

Sempre sulle pagne web della scuola, intanto, il dirigente Matteo Croce, spiega che il "liceo Danilo Dolci, malgrado le difficoltà legate alla pregressa situazione strutturale dell'Istituto, continua giorno dopo giorno, a ricercare soluzioni ottimali per il miglioramento e adeguamento dei locali scolastici. In questi mesi abbiamo condotto una intensa e proficua azione di infrastrutturazione dei locali per quanto riguarda la rete e al contempo stiamo dotando tutte e 61 classi delle nuove lim-monitor touch-screen, ultima generazione, laboratori audio di lingue e ulteriori infrastrutture che riguardano anche i locali del 'Magazzino Danilo Dolci', dato in in uso esclusivo dall'associazione dei beni confiscati alla mafia al nostro istituto scolastico. Fiduciosi continuiamo le nostre quotidiane battaglie e perseveriamo verso il nostro obiettivo, la costruzione di un nuovo edificio ex-novo per la nostra comunità scolastica".

Per Croce il caso di positività al test sierologico, l'unico in tutta la scuola, deve essere visto "più che come un campanello di allarme - dice all'AdnKronos - come un segno di grande attenzione, la dimostrazione dell'attività di prevenzione che portiamo avanti da mesi con tamponi a tappeto". Dopo il caso di sospetto Covid il dirigente scolastico si dice pronto a ripetere i test su tutto il personale. "C'è la massima disponibilità e abbiamo chiesto di effettuare nuovamente i tamponi su tutti", assicura. Intanto i cancelli della scuola sono pronti a riaprirsi il 14 settembre. Anche senza i banchi. E con ingressi scaglionati. "Abbiamo disposto una riduzione delle ore, perché senza i banchi monoposto i ragazzi dovranno rimanere in classe indossando sempre la mascherina - conclude -. Per le prime due settimane abbiamo previsto solo due ore di lezione, a partire dalla terza due ore in presenza e altrettante a distanza". Una soluzione di emergenza nell'attesa dell'arrivo dei banchi.

Articolo aggiornato il 9 settembre 2020 alle ore 10.24

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento