Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Oreto-Stazione / Via Fichidindia

Sospetto caso di Covid al liceo Dolci: stop ai corsi di recupero e nuova sanificazione

Una collaboratrice scolastica dell'istituto di Brancaccio è risultata positiva dopo essersi sottoposta al test sierologico e si attende l'esito del tampone. Nel frattempo, le attività in presenza sono state sospese e svolte a distanza

La campanella che segna l'inizio del nuovo anno scolastico non è ufficialmente suonata, ma c'è la prima interruzione delle attività in presenza per il liceo Dolci, a Brancaccio. Una collaboratrice scolastica è risultata positiva al Coronavirus dopo essersi sottoposta al test sierologico. Adesso si attende la conferma del tampone. Nel frattempo, i corsi di recupero in presenza sono stati sospesi e svolti a distanza. Anche l’ingresso al pubblico è vietato. L’edificio era già stato sanificato, ma adesso l'operazione verrà ripetuta .

Sul sito internet dell'istituto di via Fichidindia è comparso un avviso che recita: "Si comunica agli utenti che la scuola rimarrà chiusa al pubblico, fino all'inizio delle attività didattiche previste per giorno 14 Settembre 2020, per sanificazione e disinfezione dei locali scolastici".

liceo Dolci avviso chiusura-2

Sempre sulle pagne web della scuola, intanto, il dirigente Matteo Croce, spiega che il "liceo Danilo Dolci, malgrado le difficoltà legate alla pregressa situazione strutturale dell'Istituto, continua giorno dopo giorno, a ricercare soluzioni ottimali per il miglioramento e adeguamento dei locali scolastici. In questi mesi abbiamo condotto una intensa e proficua azione di infrastrutturazione dei locali per quanto riguarda la rete e al contempo stiamo dotando tutte e 61 classi delle nuove lim-monitor touch-screen, ultima generazione, laboratori audio di lingue e ulteriori infrastrutture che riguardano anche i locali del 'Magazzino Danilo Dolci', dato in in uso esclusivo dall'associazione dei beni confiscati alla mafia al nostro istituto scolastico. Fiduciosi continuiamo le nostre quotidiane battaglie e perseveriamo verso il nostro obiettivo, la costruzione di un nuovo edificio ex-novo per la nostra comunità scolastica".

Per Croce il caso di positività al test sierologico, l'unico in tutta la scuola, deve essere visto "più che come un campanello di allarme - dice all'AdnKronos - come un segno di grande attenzione, la dimostrazione dell'attività di prevenzione che portiamo avanti da mesi con tamponi a tappeto". Dopo il caso di sospetto Covid il dirigente scolastico si dice pronto a ripetere i test su tutto il personale. "C'è la massima disponibilità e abbiamo chiesto di effettuare nuovamente i tamponi su tutti", assicura. Intanto i cancelli della scuola sono pronti a riaprirsi il 14 settembre. Anche senza i banchi. E con ingressi scaglionati. "Abbiamo disposto una riduzione delle ore, perché senza i banchi monoposto i ragazzi dovranno rimanere in classe indossando sempre la mascherina - conclude -. Per le prime due settimane abbiamo previsto solo due ore di lezione, a partire dalla terza due ore in presenza e altrettante a distanza". Una soluzione di emergenza nell'attesa dell'arrivo dei banchi.

Articolo aggiornato il 9 settembre 2020 alle ore 10.24

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospetto caso di Covid al liceo Dolci: stop ai corsi di recupero e nuova sanificazione

PalermoToday è in caricamento