Cura del Covid, Villa Sofia-Cervello tra i centri autorizzati alla raccolta di plasma iperimmune

Il via libera è arrivato dal dipartimento Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico dell’Assessorato Regionale della Salute. Ricerca di donatori di plasma al Policlinico, le precisazioni della Protezione civile: "Non telefonare, ecco come fare"

L’azienda ospedaliera Villa Sofia-Cervello si aggiunge ai centri siciliani autorizzati, dal dipartimento Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico dell’assessorato Regionale della Salute, alla raccolta del plasma per la cura del Coronavirus.

"La terapia con plasma iperimmune per la cura dei pazienti affetti da Covid19 è una delle terapie possibili ad oggi esistenti ed ha la ratio di incrementare la concentrazione di anticorpi contro il virus - spiegano dal Villa Sofia-Cervello -. Obiettivo quest’ultimo che si ottiene raccogliendo da un paziente guarito il suo plasma, dopo aver testato che la concentrazione dei suoi anticorpi sia molto alta. Benché, anche questa terapia deve, ad oggi, essere considerata sperimentale, essa viene valutata come un’ulteriore arma per cercare di aiutare il paziente a superare la fase critica dovuta alla grave insufficienza respiratoria. Al fine di creare scorte sufficienti di plasma iperimmune è necessario sensibilizzare alla donazione i pazienti guariti da Sars-Covid19 ed in tal senso l’azienda fa un appello ai potenziali donatori, giacché con questo gesto di generosità si potrebbero salvare altre vite. A tale scopo, Villa Sofia- Cervello ha attivato il seguente cellulare 329.4450795 a cui tutti i pazienti guariti, con due successivi tamponi molecolari negativi, possono rivolgersi per attivare la procedura di donazione".

"Grazie a ciò - dichiara il Aurelio Maggio, direttore dell’Unità operativa centrale di Medicina Trasfusionale - per la prima volta in Sicilia, il plasma iperimmune ad altissimo titolo neutralizzante (raccolto da un paziente guarito da Sars-Cov19 della nostra azienda ospedaliera), è stato trasfuso in un paziente con Talassemia Major con grave insufficienza respiratoria”. Si fa riferimento ad un paziente che era stato ricoverato presso la nostra Azienda ed in particolare in Cardiologia Cov19 (diretta dal dottor Francesco Pitrolo) e che è stato, successivamente, trasferito presso la terapia intensiva dell'ospedale di Partinico-Asp di Palermo".

Ricerca di donatori di plasma per il Policlinico

Intanto dalla Protezione civile specificano che "circola in queste ore sui social network e su whatsApp la notizia della ricerca di donatori di plasma per l'ospedale Policlinico, nella quale sono indicati dei numeri di telefono da chiamare. La notizia - precisano - è parzialmente errata e non va diffusa".

I cittadini risultati positivi al Sars-Cov-2, sia sintomatici sia asintomatici, possono infatti effettuare la donazione prenotandoso esclusivamente tramite invio di email a medicinatrasfusionale@policlinico.pa.it allegando copia del referto del tampone positivo, dei due tamponi negativi e di eventuale certificato di dimissioni, nel caso siano stati ricoverati a seguito della comparsa di sintomi. Sarà il personale dell'ospedale a ricontattare telefonicamente gli interessati per l'appuntamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento