"Giornalista minacciata da tre uomini senza mascherina": solidarietà dell'Unci

L'Unione dei cronisti stigmatizza l'episodio che ha visto come protagonista Raffaella Cosentino (Tgr Sicilia) insultata durante il servizio sulla manifestazione di protesta dei ristoratori palermitani contro le misure anti Covid nella notte tra sabato e domenica

Un momento della manifestazione di sabato notte

L'Unci Sicilia esprime solidarietà nei confronti di Raffaella Cosentino, giornalista della Tgr Sicilia, costretta ad interrompere il proprio servizio dagli insulti minacciosi di tre uomini non identificati e senza mascherina al termine di una manifestazione pacifica di protesta dei ristoratori palermitani contro le misure anti Covid nella notte tra sabato e domenica scorsi davanti alla sede del governo regionale.

L'Unci considera l'episodio "grave e intollerabile", denuncia la preoccupante escalation di violenza verbale nei confronti dei cronisti, sempre più spesso bersaglio di invettive da parte di chi individua una corresponsabilità dell'informazione nel clima crescente di disagio sociale determinato dall'emergenza sanitaria, e fa appello al prefetto di Palermo affinché siano garantite le condizioni di agilità professionale a cronisti, cameramen e fotografi costretti a esercitare il diritto-dovere di cronaca in condizioni sempre più difficili. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento