Coronavirus, Ugl Medici interviene sul caso mascherine: "Reprimere il mercato nero"

Per il sindacato i dispositivi individuali di protezione non sono sufficienti. "Nonostante gli sforzi delle direzioni sanitarie gli approvvigionare ai reparti non arrivano"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Una vera e propria azione di sciacallaggio quella perpetrata nei distributori automatici degli ospedali Cervello e Villa Sofia di Palermo dove tra gli snack e le bibite venivano mesi in vendita mascherine a 10 euro”.

A dichiararlo è Marcello Saitta, segretario provinciale Ugl Medici. "Purtroppo, da quel che apprendiamo, non è il solo caso scoperto dalla Guardia di finanza nel capoluogo regionale, è indispensabile reprimere sul nascere il mercato nero. Lucrare sulla salute della gente è da condannare fermamente con ogni mezzo adottando tutte le misure necessarie".

"Inoltre i dispositivi individuali di protezione non sono sufficienti - spiega Saitta -. Nonostante gli sforzi delle direzioni sanitarie gli approvvigionare ai reparti non arrivano. I medici delle Unità operative di Malattie Infettive e dei Pronto Soccorso lamentano la carenza di mascherine e visiere con ovvi rischi per la salute di tutti gli operatori sanitari che assistono i pazienti sospetti o con infezione accertata. Urge che la Protezione civile provveda a rifornire tutti gli ospedali il prima possibile per mettere gli operatori in condizione di lavorare serenamente e soprattutto in sicurezza".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento