Cronaca

Coronavirus, positivi due migranti ospiti della Missione di Biagio Conte

Sono stati ricoverati all’ospedale Cervello con polmonite da Covid-19. L'Asp ha attivato tutte le procedure per il tracciamento delle persone che possono essere venute in contatto con i due stranieri, per effettuare il tampone

Il Coronavirus "approda" anche nei locali della Missione Speranza e Carità di Biagio Conte, in via Decollati. Due migranti, ospiti della struttura di accoglienza, che ospita circa 700 persone, sono stati ricoverati ieri all’ospedale Cervello con polmonite da Covid-19. Nelle scorse ore si è così messa in moto l’Azienda sanitaria provinciale per sanificare i locali. L'Asp ha attivato tutte le procedure per il tracciamento delle persone che possono essere venute in contatto con i due stranieri, per effettuare il tampone. 

Proprio ieri l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, ha ammesso che "il numero di contagi nel Palermitano è significativo, anche se la gran parte è asintomatica. C'è una situazione di monitoraggio in atto, abbiamo alzato l'asticella dell'attenzione". Come ormai avviene da settimane è la provincia di Palermo quella dove si registrano più nuovi casi: sono 37, secondo gli ultimi dati pervenuti.

Tra le persone risultate positive al Covid c'è anche un'infermiera del reparto di geriatria dell'ospedale Ingrassia, assente dal servizio dallo scorso 9 settembre e sottoposta a test sierologico il 7 settembre (con esito negativo). Preoccupa anche il nuovo focolaio "esploso" a San Giuseppe Jato dove sei residenti sono risultati positivi al Coronavirus. Contagiato anche un bimbo ricoverato all'ospedale Cervello di Palermo. I genitori sono in isolamento domiciliare. Lo ha comunicato il sindaco Rosario Agostaro. "Allo stato attuale - ha detto il primo cittadino - le persone non sono ospedalizzate ma in isolamento domiciliare presso le loro abitazioni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, positivi due migranti ospiti della Missione di Biagio Conte

PalermoToday è in caricamento