Coronavirus, piano per la scuola: ministro Azzolina sceglie palermitano nel comitato di esperti 

Si tratta di Domenico Di Fatta, dirigente scolastico del Regina Margherita. Il gruppo è stato istituito dal ministro dell'Istruzione

C'è anche un palermitano nel comitato di esperti che avrà il compito di formulare e presentare idee e proposte per la scuola con riferimento all'emergenza sanitaria in atto, ma anche guardando al miglioramento del sistema di Istruzione nazionale. Si tratta di Domenico Di Fatta, originario di Campofelice di Roccella, dirigente scolastico all'Istituto di istruzione superiore Regina Margherita di Palermo. Il comitato è stato istituito dal ministro dell'Istruzione, Lucia Azzolina.

"Abbiamo voluto questo tavolo di lavoro - spiega Azzolina - per mettere a punto il nostro Piano per il mondo dell'Istruzione. Risponderemo rapidamente a tutti i dubbi e le istanze che ci stanno arrivando, in particolare dalle famiglie. Come Paese abbiamo fatto sforzi importanti in queste settimane per rispondere all'emergenza sanitaria, grandi sacrifici che non possono essere vanificati. Ma, al contempo, dobbiamo cominciare a guardare oltre. E vogliamo farlo da subito". "Lo faremo insieme al gruppo che abbiamo appena costituito dove ci sono profili che vengono dal mondo della scuola, del digitale, della ricerca, della sanità, dagli atenei e che saranno di supporto. Chiederemo loro di formulare proposte che poi vaglieremo con attenzione. - continua Azzolina - Lavoreremo anche guardando al dopo, al futuro della scuola che è, necessariamente, il futuro dell'Italia. Abbiamo l'occasione, ora che tutti parlano di scuola e avvertono ancora di più la sua importanza, di intervenire per migliorare ulteriormente il sistema di Istruzione".

Il Comitato potrà formulare proposte su: l'avvio del prossimo anno scolastico, tenendo conto della situazione di emergenza epidemiologica attualmente esistente; l'edilizia scolastica, con riferimento anche a nuove soluzioni in tema di logistica; l'innovazione digitale, anche con lo scopo di rafforzare contenuti e modalità di utilizzo delle nuove metodologie di didattica a distanza; la formazione iniziale e il reclutamento del personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado, con riferimento alla previsione di nuovi modelli di formazione e selezione; il consolidamento e lo sviluppo della rete dei servizi di educazione e di istruzione a favore dei bambini dalla nascita sino a sei anni; il rilancio della qualità del servizio scolastico nell'attuale contingenza emergenziale. Le proposte presentate saranno poi vagliate dai vertici del Ministero. Il Comitato è composto da 18 esperti: oltre a Di Fatta ci sono Patrizio Bianchi, coordinatore, professore ordinario di Economia e Politica industriale presso l'Università di Ferrara; Lorella Carimali, docente presso il Liceo Scientifico statale "Vittorio Veneto" di Milano; Giulio Ceppi, ricercatore e docente incaricato presso il Politecnico di Milano; Amanda Ferrario, dirigente scolastico dell'Istituto di istruzione superiore "Tosi" di Busto Arsizio (Varese); Maristella Fortunato, dirigente dell'Ambito Territoriale di Chieti e Pescara, Ufficio Scolastico Regionale per l'Abruzzo; Daniela Lucangeli, professore ordinario di Psicologia dell'Educazione e dello Sviluppo presso l'Università di Padova.

E ancora, Alberto Melloni, professore ordinario di Storia del Cristianesimo presso l'Università di Modena-Reggio Emilia; Cristina Pozzi, Ceo & Co-founder Impactscool; Andrea Quacivi, Amministratore delegato di Sogei; Flavia Riccardo, ricercatore presso l'Istituto Superiore di Sanità; Mario Ricciardi, già professore associato di Diritto del Lavoro e delle Relazioni industriali presso l'Università di Bologna; Mariagrazia Riva, professore ordinario di Pedagogia Generale e Sociale, presso l'Università di Milano-Bicocca; Arduino Salatin, presidente Istituto internazionale salesiano di ricerca educativa - ISRE; Aldo Sandulli, professore ordinario di Diritto Amministrativo presso la Luiss Guido Carli; Mariella Spinosi, dirigente tecnico del Ministero dell'Istruzione in quiescenza; Stefano Versari, direttore generale dell'Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia Romagna; Alberto Villani, Presidente della Società Italiana di Pediatria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comitato coinvolgerà, con apposite audizioni, professionalità interne all'Amministrazione, Enti di ricerca, Università, Associazioni di categoria, il Forum Nazionale delle Associazioni Studentesche e il Forum nazionale delle Associazioni dei genitori della scuola (Fonags), nonché i rappresentanti delle Consulte studentesche. Il Comitato potrà anche avviare interlocuzioni e specifiche audizioni con la Conferenza Stato-Regioni, con l'Associazione Nazionale Comuni Italiani, con l'Unione delle Province d'Italia. Gli esperti opereranno a titolo gratuito. Il gruppo di lavoro resterà in carica fino al prossimo 31 luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento