Coronavirus, pronto il piano del Comune per gli aiuti alimentari: buoni spesa a 12 mila famiglie

Le somme oscilleranno fra i 60 e 110 euro alla settimana: verranno erogate sotto forma di buoni pasto, anche in formato elettronico. In totale sono 40 mila le persone in difficoltà che riceveranno assistenza grazie ai 5 milioni dello Stato. Orlando: "Soldi per tre settimane"

Con gli oltre 5 milioni erogati dallo Stato e già incassati, il Comune fornirà aiuti alimentari a 12 mila famiglie in difficoltà per almeno tre settimane. Il piano messo a punto nella tarda serata di ieri prevede l'assistenza per un totale di circa 40 mila residenti a Palermo. Si tratta delle persone che hanno presentato domanda alla centrale unica per l’aiuto alimentare messa in piedi dall’amministrazione Orlando in tempi record per contrastare la povertà dilagante causata dal Coronavirus.

Spesa e farmaci, gli aiuti alle fasce deboli: i numeri utili

Il piano prevede la distribuzione di buoni pasto, anche in forma elettronica o tramite app sui cellulari (e non solo in forma cartacea). Gli importi dei buoni pasto varieranno in base al numero dei componenti delle famiglie e in base al possesso di un reddito o altre fonti di sostentamento. Le somme oscilleranno fra i 60 e i 110 euro a settimana per famiglie, utilizzando esclusivamente i fondi messi a disposizione dallo Stato (5,1 milioni). Dalla Regione dovrebbero arrivare nei prossimi giorni altri 13 milioni.

Le domande arrivate fino all’altro ieri sono state oltre 15 mila. In poche ore l’ufficio del webmaster del Comune le ha analizzate, eliminando "doppioni" e non residenti. Adesso tutti riceveranno via email o tramite comunicazione telefonica, l’invito a fornire ulteriori informazioni. Il provvedimento della Protezione civile nazionale prevede infatti che sia data priorità alle famiglie del tutto prive di una fonte di sostentamento e quindi il Comune ha bisogno di acquisire da ciascuno una autodichiarazione, anche telematica, sul reddito e altri contributi.

L’amministrazione, inoltre, dovrà valutare la posizione di 1.500 famiglie che hanno presentato la domanda e risultano contemporaneamente beneficiarie del Reddito di cittadinanza. Non saranno escluse a priori, ma si dovrà valutare caso per caso lo stato di reale necessità. Il numero delle persone che riceveranno gli aiuti alimentari potrebbe aumentare se venisse confermato lo stato di limitazioni alla mobilità o  diminuire per l’avvio di sistemi di ammortizzazione sociale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' un piano di emergenza - ha sottolineato il sindaco Leoluca Orlando - che servirà ad affrontare per almeno tre settimane il bisogno alimentare di tante famiglie. Non escludiamo, se dovessero arrivare altre risorse o se ai successivi controlli dovessero saltare alcune famiglie, che questo piano possa durare più a lungo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • Coronavirus, altri 65 nuovi casi in Sicilia: Palermo la provincia più colpita

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento