Calcetto e altri sport di contatto, la Regione tira dritto: "In Sicilia si continua a giocare"

A dirlo è l'assessore allo Sport, Manlio Messina, che esclude un eventuale blocco delle attività riprese sabato scorso nonostante il parere negativo del comitato tecnico scientifico nazionale: "Nessuno stop, l'ordinanza resta in vigore"

Malgrado lo stop del comitato tecnico-scientifico nazionale alle partite e agli sport di contatto che in Italia sarebbero dovuti ripartire oggi, in Sicilia non cambia nulla. Resta in vigore il decreto firmato dall'assessore regionale allo Sport, Manlio Messina, e da quello alla Salute, Ruggero Razza, che da sabato scorso ha ridato il via alle attività sportive di gruppo.

Lo conferma a PalermoToday proprio l'assessore Messina, che tira dritto: "La Sicilia continuerà a basarsi su quanto stabilito dal comitato tecnico-scientifico regionale. Tra l'altro anche il dipartimento Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico ha rilevato che la Regione siciliana annovera una matrice di 'basso rischio'. I cosiddetti sport di contatto come calcio, calcio a 5 e basket si possono quindi praticare, nessuno stop".

Manlio messina assessore sport-2Una dichiarazione che taglia la testa al toro e che mette al riparo la Sicilia da un eventuale blocco. Sebbene il comitato tecnico-scientifico nazionale abbia dato l'alt al governo "in considerazione dell’attuale situazione epidemiologica nazionale, con il persistente rischio di ripresa della trasmissione virale in cluster determinati da aggregazioni certe come negli sport da contatto", devono essere rispettate "le prescrizioni relative al distanziamento fisico e alla protezione individuale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un parere che non trova d'accordo il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora: "Confermo il mio parere positivo e resto in attesa di quello del ministro Speranza. Riprendere le attività dei centri sportivi, con le garanzie assicurate dal documento delle Regioni su sanificazione e mantenimento dei dati per i giorni necessari, aumenterebbe - io credo - la sicurezza per tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • "Cocktail in mano e mascherine al gomito": due pub chiusi per violazione norme anti Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento