Coppia di giovani palermitani bloccata a Valencia: "Soldi finiti, come torniamo a casa?"

Riccardo, ragazzo di Cruillas era partito per tentare fortuna come pizzaiolo, insieme alla fidanzata. Poi il lockdown con la Spagna che ha chiuso le frontiere per il Covid-19: "Siamo stati licenziati e non ci possiamo muovere da qua e tra poco non avremo neanche un tetto. Mio papà sta male e ha bisogno di me"

Riccardo Di Stefano e la fidanzata in Spagna

Un aereo che non può decollare e riportarti a casa, il conto in banca che piange per un "fresco" licenziamento. Il contratto d’affitto che scade a fine mese, il papà che sta male e non puoi raggiungerlo per stargli vicino. E' la storia di Riccardo Di Stefano, trentenne palermitano bloccato in Spagna perché il Coronavirus ha chiuso le frontiere. A Torrent, vicino Valencia, il ragazzo cresciuto a Cruillas era andato per tentare fortuna come pizzaiolo. Appena qualche giorno dopo l’assunzione però la pandemia di portata mondiale ha imposto la chiusura dei ristoranti, e anche il suo è stato costretto a mandare tutti a casa. Per lui in più anche il benservito.

Insieme alla sua fidanzata Fabiana, di poco più piccola di lui, avevano trovato un pronto accomodo a casa di alcuni amici in attesa di una sistemazione tutta loro. “Era novembre, siamo venuti qui per lavoro - racconta Di Stefano a PalermoToday -. Io pizzaiolo, la mia compagna invece cameriera nello stesso ristorante. Stavamo ingranando, ci vuole del tempo a cambiare Paese e a ricominciare. Avevamo appena iniziato col nuovo lavoro ma siamo stati subito licenziati. Il Covid-19 è arrivato anche qui, i ristoranti hanno chiuso e il titolare non ha potuto fare altrimenti”.

Il lockdown, in Italia come in Spagna, ha costretto anche loro a restare a casa, ospiti da alcuni amici che tuttavia a fine aprile dovranno lasciare l’appartamento. “Abbiamo seguito le direttive delle autorità, siamo stati rinchiusi per evitare di essere contagiati e abbiamo resistito fino all’ultimo - spiega ancora -. Qui in Spagna lo stato di emergenza è fissato fino al 9 maggio. Attualmente hanno chiuso tutti i collegamenti con l’Italia, noi siamo bloccati qui. Non possiamo più tornare a Palermo. Non abbiamo più soldi, tra qualche giorno non avremo più neppure un tetto. E in più mio padre sta male, io devo tornare da lui. Ha bisogno di me”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riccardo e Fabiana hanno contattato sia il Consolato che la Farnesina. “I collegamenti sono interrotti - conclude -. L’unica opzione sarebbe una nave che da Barcellona ci porti a Genova, poi un volo da Genova a Roma e infine da Roma a Palermo. Ci vogliono più di 400 euro a persona, soldi che non abbiamo, col rischio peraltro di prenderci anche qualcosa tra mezzi pubblici, nave e aerei. A quel punto la quarantena che abbiamo fatto a casa sarebbe vana. Abbiamo fronteggiato questi mesi pagando bollette, affitti, spese. Senza un lavoro. I miei genitori non possono più aiutarmi. Mia madre è in pensione da qualche giorno e chissà se la riceverà mai. Come faccio a tornare a casa?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento