menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scontro Fials-Asp sul Covid hospital: "Chiarezza sulle nomine", "Agito nelle regole"

I sindacati chiedono di "ritirare in autotutela incarichi ed eventuali altri affidamenti dati al personale perchè sarebbero avvenuti in violazione del contratto collettivo". Il direttore generale Daniela Faraoni: "Date le necessarie delucidazioni, tutti gli operatori hanno manifestato soddisfazione"

Ritirare in autotutela incarichi ed eventuali altri affidamenti dati al personale perchè sarebbero avvenuti in violazione del contratto collettivo. Lo chiede il sindacato Fials di Palermo in merito ad alcune procedure avviate dall’Asp presso l’ospedale di Partinico, auspicando “un confronto sul Covid per fare chiarezza perchè le questioni si possono dirimere col dialogo disponendo di nuovo i lavoratori nel posto dove erano stati assegnati”, dice il segretario aggiunto Giuseppe Forte.

Immediata la replica del direttore generale dell'Asp di Palermo, Daniela Faraoni. "A seguito delle richiesta di varie sigle sindacali, l’Azienda ha dato, già un mese fa, un’ampia delucidazione su tutte le azioni poste in essere. Relativamente alle presunte lagnanze sugli ordini di servizio, è stata effettuata un’azione di verifica: tutti gli operatori hanno manifestato soddisfazione, ad eccezione di uno che non è stato possibile raggiungere, perché assente per motivi di salute". 

La posizione della Fials

Secondo la Fials “l’azienda continua a non informare i sindacati sulle questioni organizzative malgrado le indicazioni dell’assessore regionale della Salute, visto che a seguito della riconversione dell’ospedale di Partinico molti reparti sono stati chiusi e trasferiti come ad esempio la Salute mentale, l’Ortopedia, la Ginecologia, la Chirurgia  Sala operatoria, la Cardiologia, ma non è stato fatto altrettanto per i coordinatori di riferimento, che anziché seguire i reparti secondo quanto previsto dalle normative contrattuali, risultano ancora essere in servizio presso il Covid-Hospital di Partinico, esercitando ruoli incerti in assenza di responsabilità vere, ed in alcuni casi inseriti perfino nei turni di pronta disponibilità notturna”.

La Fials contesta inoltre alcune nomine senza procedura concorsuale, tra cui quella di un coordinatore per l’unità operativa di Diabetologia. “Giunge inoltre notizia che al quinto piano risulta riaperta un’ala della Psichiatria con turni infermieristici  senza aver mai ricoverato nessun paziente e senza nessuna comunicazione  ai sindacati. Va Considerato che la stragrande maggioranza dei lavoratori della Salute Mentale sono stati tutti trasferiti per chiusura del reparto. Ci sarebbe da chiedersi chi sono i nuovi assegnati e come sono stati scelti".

faraoni-2L'Asp: difenderemo operato azienda

Secondo l'Asp invece "non sono stati assegnati nuovi coordinamenti, ma, nelle more di definire le attività relative alla riorganizzazione, mantenuti tutti quelli che, già, c’erano in precedenza. Il momento vissuto è stato particolarmente intenso e complesso e, ancora una volta, non si può fare a meno di sottolineare come la Fials, invece di valutare ed apprezzare il grandi contributo e l’impegno profuso, è alla ricerca di difetti che, ancorché ammissibili, non ci sono stati. Relativamente all'affermazione di avere attribuito nomine senza procedure concorsuali - conclude la Faraoni - è palesemente falsa e priva di ogni fondamento. Ci si riserva di adire le vie legali a difesa ed a tutela dell'immagine e dell'operato dell'Azienda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento