Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

Musumeci: "Dobbiamo essere pronti perché non sappiamo quando tutto questo finirà"

Le parole del governatore: "Non mi stancherò mai di fare appello, prima di tutto, alla cautela e alla prudenza". Intanto in settimana aprirà anche il primo hub vaccinale all'interno di un centro commerciale, al Centro La Torre

"Non mi stancherò mai di fare appello, prima di tutto, alla cautela e alla prudenza. Non è il colore della nostra regione che ci tira fuori dal Covid, ma è solo il vaccino che può metterci ragionevolmente al sicuro". A parlare è il governatore Nello Musumeci che ha inaugurato ieri pomeriggio due nuovi hub vaccinali in provincia di Catania, al Palasport di Sant’Agata Li Battiati, e al PalaTupparello di Acireale.

"In questo anno e mezzo - ha detto Musumeci - abbiamo dovuto superare diffidenze ed ostacoli di ogni tipo. Abbiamo aperto cento punti vaccinali in Sicilia proprio per spingere tutti alla vaccinazione, perché se la gente non viene da noi siamo noi ad andare da loro, il più vicino possibile a casa di ciascuno. Un punto vaccinale è sempre una tappa della speranza. E il mio messaggio di speranza è che si colga l’opportunità che viene da questa pandemia, che deve servire a farci comprendere quanti errori sono stati commessi negli ultimi anni nella sanità nazionale".

"Il mio governo - ha aggiunto Musumeci - ha dato grande impulso all’edilizia sanitaria, abbiamo aperto 79 cantieri per altrettante strutture sanitarie. Dobbiamo essere pronti, dobbiamo correre - ha concluso il governatore - perché non sappiamo quando tutto questo finirà. Se il destino voleva fermarci, dovrà ricredersi. Perché da questa tragedia traiamo la forza per combattere e andare avanti nel lavoro incessante per la nostra Isola". Intanto in settimana aprirà anche il primo hub vaccinale all'interno di un centro commerciale, al Centro La Torre di Palermo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musumeci: "Dobbiamo essere pronti perché non sappiamo quando tutto questo finirà"

PalermoToday è in caricamento