Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Via libera di Musumeci: "Può rientrare anche chi vuole tornare dalla famiglia"

L'annuncio del governatore in un video postato su Facebook: "Abbiamo chiesto al ministero dei Trasporti di portare i voli da Roma per Palermo da due a quattro, sperando che Alitalia non si abbandoni a speculazioni, perché mi risulta che il costo dei voli negli ultimi giorni sia assolutamente inaccessibile e inaccettabile"

 

"Siamo quindi arrivati alla fase 2. Bisogna allargare un po' la maglia, ne siamo tutti consapevoli. Abbiamo chiesto al ministero dei Trasporti di portare i voli da Roma per Palermo e Catania da due a quattro, sperando che Alitalia non si abbandoni a speculazioni, perché mi risulta che il costo dei voli negli ultimi giorni sia assolutamente inaccessibile e inaccettabile". A dirlo è il governatore siciliano, Nello Musumeci, in un video postato su Facebook.

"Manteniamo la corsa del treno da Roma a Messina. Per quanto riguarda lo Stretto, invece, chiediamo di passare dalle attuali 5 corse a 8 corse. Naturalmente, man mano che il tempo scorre valuteremo il dato epidemiologico e, quindi, aumenteremo, chiederemo di aumentare, di volta in volta il numero dei voli, il numero delle corse del treno e il numero delle corse sullo Stretto".

"Un blocco per i casi di necessità non c"è mai stato, neanche nei gravi momenti di crisi. Sia i provvedimenti nazionali che quelli nostri hanno sempre detto che l'ingresso è consentito alle forze dell'ordine, alle forze armate, al personale sanitario e per gravi motivi personali, sanitari o di famiglia. Quindi, un blocco totale non c'è mai stato. Adesso allarghiamo un po' e possono rientrare anche coloro che si vogliono ricongiungere con le proprie famiglie. Per farlo - continua il presidente della Regione siciliana - devono rispettare le solite regole: la verifica al momento dello sbarco e poi la quarantena".

"Nessuno deve pensare che la partita sia chiusa, che la Fase 2 significhi 'tutti liberi'. Un dato deve fare riflettere. Tre Regioni, Lombardia, Veneto e Piemonte, assieme hanno 60mila positivi in questo momento. La Sicilia, regione particolarmente popolosa, ne ha 2.200. Ecco, noi vorremmo che questo dato possa scendere man mano che passano i giorni. Guai a dover registrare una nuova impennata".

Quindi sulla Fase 2 e i rientri. "Sì, ma con la necessaria prudenza, a patto che ognuno assuma la responsabilità delle proprie azioni", dice Musumeci, per il quale "andare in giro con la mascherina è essenziale, portare i guanti quando si va in un locale chiuso è altrettanto importante, per il resto sapete già dell'ordinanza dell'altro giorno che consente varie attività". "Vorremmo autorizzarne anche altre, ma non dipende da noi - aggiunge -. Penso ai parrucchieri per uomo e per donna per esempio. Noi avevamo chiesto di poter consentire l'apertura delle botteghe già il 4 maggio, ma da Roma dicono che ancora è presto. Stiamo lavorando, stiamo pressando perché si possa cominciare almeno il 18 maggio con gli ulteriori provvedimenti".

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento