menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nello Musumeci

Nello Musumeci

Covid, Musumeci: "Io contro i 'negazionisti', servirebbero 10-15 multe considerevoli"

Per il presidente della Regione Siciliana "serve una campagna di sensibilizzazione" sull'utilizzo dei dispositivi di protezione per la lotta alla diffusione del Coronavirus ma anche "una esemplare azione da parte delle forze dell'ordine"

Secondo il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, intervistato da Sky Tg24, "serve una campagna di sensibilizzazione" sull'utilizzo dei dispositivi di protezione per la lotta alla diffusione del Coronavirus ma "serve anche una esemplare azione da parte delle forze dell'ordine contro i cosiddetti 'negazionisti' che così capiranno di dovere tutelare se stessi e la salute di chi gli sta accanto".

Musumeci, che ha più volte auspicato maggiore severità da parte delle forze dell'ordine ("servirebbero 10-15 multe considerevoli"), ha poi risposto così a una domanda sulle misure di contrasto alla diffusione del Covid: "Abbiamo il dovere di evitare che l'istituzione della 'zona rossa' diventi una regola diffusa perché perderebbe il suo effetto e perché danneggeremmo le attività commerciali e le imprese che spesso, invece, sono le prime a rispettare le regole anti-Covid".

Al momento in Sicilia le 'zone rosse' istituite sono cinque: una a Villafrati, in provincia di Palermo, e quattro nel capoluogo siciliano presso le strutture della Missione 'Speranza e carita'' fondata da Biagio Conte.

"In Sicilia - ha aggiunto Musumeci - ci sono poco più di trenta ricoverati in terapia intensiva su una popolazione di cinque milioni di abitanti. Non siamo in una condizione di emergenza. Siamo ancora in una condizione tollerabile ma stiamo lavorando per preparare nuovi posti di terapia intensiva e semi intensiva, oltre che reparti per positivi non particolarmente gravi".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento