Coronavirus, due missionari del centro di Biagio Conte ricoverati in ospedale

Dopo il focolaio scoppiato nella sede di via Decollati la struttura è stata dichiarata zona rossa dal governatore Nello Musumeci

Alcuni migranti ospiti della comunità di Biagio Conte davanti al cancello d'entrata della missione, Palermo 18 settembre 2020 37 sono risultati positivi al Coronavirus. Da ieri sera il cancello della comunità è presidiato dalla polizia. I medici dell'Asp stanno continuando ad effettuare i tamponi. Al momento solo 3 migranti ospiti della comunità di Biagio Conte hanno accettato di essere trasferiti all'hotel San Paolo. Gli altri si rifiutano. Nella struttura vi sono 600 ospiti - foto Ansa

Due missionari della Missione speranza e carità di Biagio Conte, dichiarata dal governatore siciliano, Nello Musumeci, zona rossa dopo il focolaio scoppiato all'interno della struttura in via Decollati, sono stati ricoverati.

"Si tratta di fratello Giovanni con polmonite e anche un altro fratello è in ospedale e non sappiamo quali sono le sue condizioni generali", dicono i volontari che ringraziano "chi in queste ore sta facendo qualcosa come il Comune, la Regione, le forze dell'ordine, l'Azienda sanitaria provinciale e Medici Senza Frontiere. Comprendiamo che è necessario che si uniscano tutte le forze possibili per trovare le soluzioni per aiutare la Missione e tutta la città".

"La Missione non è da intendersi come un ente privato o una proprietà privata o una Ong ma come una Missione al servizio della Speranza - dicono missionari e volontari -. La Missione rappresenta soprattutto il cuore generoso della città verso le tante emergenze di povertà materiali e spirituali di questa società". I pochissimi missionari e volontari sono ormai allo stremo delle forze e continuano a darsi da fare, ma chiedono di "continuare ad aiutare la Missione con tutti gli aiuti possibili, anche attraverso una parola buona". "Chi sente di farlo faccia una preghiera a Dio perché aiuti tutti. Con l'aiuto di Dio e con l'aiuto di chi fa il bene riusciremo a superare questo momento. Rimaniamo uniti", concludono.

Oggi anche il sindaco Leoluca Orlando si è recato davanti alla sede della Missione di via Tiro a Segno. “Sono venuto a salutare quanti vivono all'interno della Missione Speranza e Carità, ovviamente rimanendo all'esterno e distanziato - ha dichiarato il sindaco - invitandoli a seguire le prescrizioni dell'autorità sanitaria, per il bene loro e di tutti quelli  che sono con loro in contatto. Ieri ho inviato una nota formale al Presidente del Consiglio dei Ministri ed al Presidente della Regione, perché adottassero i provvedimenti di loro competenza. L'Amministrazione comunale, intanto, sta garantendo per il tramite della Caritas l'approvvigionamento di viveri ed anche di abbigliamento e di medicine e di tutto quanto può servire per quanto riguarda la vita all'interno delle quattro strutture della Missione, che ospitano circa ottocento persone".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Orlando ha proseguito: "I mediatori culturali del Comune sono presenti per cercare di svolgere opera di mediazione e di convincimento perché chi risultasse positivo possa essere messo in isolamento nell’apposito albergo covid di Palermo. Dobbiamo tutti stare molto attenti e rispettare fino in fondo il diritto alla vita di tutti ed il diritto alla salute di chi sta dentro e di chi sta fuori da questa struttura".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus, Musumeci gela tutti: "Prima o poi arriveremo alla chiusura totale"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • In strada contro il Dpcm: ai Quattro Canti scoppia la guerriglia

  • Arancine, panelle e blatte: chiusa rosticceria abusiva nel cuore di Boccadifalco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento