Università, studenti al rettore: "Basta lauree da casa, sogniamo una 'vera' proclamazione"

Emergenza Covid-19, cerimonie da remoto anche a luglio? Numerosi studenti non ci stanno e hanno così deciso di costituire un "Comitato laureandi 2020 di Unipa" e scrivere a Micari

Le lauree di luglio - se non ci saranno nuove disposizioni del Rettore - si svolgeranno in modalità "da casa". Numerosi studenti non ci stanno e hanno così deciso di costituire un "Comitato laureandi 2020 di Unipa". "Vista la ripartenza iniziata già con la fase 2 - è la protesta mossa dai ragazzi, che hanno contattato PalermoToday - vista la riapertura di moltissimi esercizi, a breve delle discoteche, vista la riapertura dei confini regionali per la viabilità e quanto altro, ci chiediamo perché mentre fuori si riprenda a vivere, l'università di Palermo non possa organizzare delle sedute di laurea, in sicurezza, magari a porte chiuse , garantendo il distanziamento, con un ristretto numero di familiari al seguito magari, per consentirci di finalizzare il nostro percorso (in piena sicurezza e tenuto conto dei dati della curva epidemiologica).

Così il comitato ha deciso di scrivere una lettera direttamente al rettore Micari. Una lettera che è stata girata a PalermoToday. "L’emergenza sanitaria che ha colpito così duramente il nostro paese - scrivono gli studenti - ha avuto pesanti ripercussioni sulla vita di ognuno di noi ed inevitabilmente ha colpito anche il sistema universitario che prontamente si è adeguato per garantire al massimo il diritto allo studio e la prosecuzione delle attività formative di ogni studente. Esami a distanza, seminari ed approfondimenti via teleconferenza, ricevimento ed assistenza da parte dei docenti svolti dietro un pc. Le difficoltà che ci si sono presentate sono state nuove e molteplici, tuttavia siamo riusciti ad adeguarci al cambio forzato al quale i tempi ci hanno obbligato, non nascondendo, come Lei può bene immaginare, a tratti momenti di sconforto, insicurezza e preoccupazione. Diverse centinaia di Noi concluderanno a Luglio il proprio percorso universitario e raggiungeranno la tanto agognata laurea, sintesi di sogni, sacrifici e speranze, pur nostro malgrado trovandoci in una situazione del tutto nuova a carattere emergenziale. Lei, essendo stato studente prima di noi, comprende bene il significato anche simbolico della proclamazione, della discussione delle tesi, e delle emozioni che quel giorno lascerà indelebili per tutta la nostra vita in ognuno di Noi. Abbiamo letto delle Sue dichiarazioni, rilasciate a mezzo stampa qualche tempo fa, con cui ha deciso di indicare lo svolgimento delle lauree di luglio in modalità a distanza (online)".

"Esimio Professor Micari abbiamo deciso di prendere carta e penna per chiederLe, considerato il massimo rispetto per l’alto ufficio che ricopre e per le responsabilità che esso comporta, di poter rivedere la Sua decisione, tenuto conto dei dati scientifici che stanno via via dimostrando come in Sicilia, la morsa del contagio sia meno dura che in altre parti del Paese. I numeri del contagio a livello nazionale, ed in particolare in Sicilia (fin dall’inizio della emergenza), dopo l’avvio della cosiddetta fase 2, sono confortanti. Nella nostra isola i dati parlano chiaro - si legge nella lettera -. C'è un primato sancito dall'Istituto superiore di sanità: la Sicilia è la regione italiana in cui il virus si trasmette di meno da un individuo all'altro. L’Isola rimane la penultima regione nel rapporto tra contagiati e abitanti (lo 0,069%), con Palermo il capoluogo di Regione, “migliore” sotto questo punto di vista. Dal 18 maggio è stata disposta a livello nazionale ed anche in Sicilia la riapertura con le relative misure di adeguamento sanitario di quasi tutti gli esercizi commerciali (bar, mercati, ristoranti, centri estetici, ) oltre che del trasporto pubblico regionale. Per ciò che concerne il mondo universitario, le stesse dichiarazioni del ministro per l’Università e la Ricerca Manfredi, contenute nel piano del Ministero vanno nell’ottica che ci sia la possibilità di poter tornare a svolgere esami e sedute di laurea di presenza già a Luglio, soprattutto nelle università di zone meno colpite dal contagio. Le avanziamo la proposta di valutare che la seduta delle nostre sessioni di lauree di Luglio possa svolgersi di presenza. Abbiamo immaginato delle sedute ad esempio a porte chiuse, dividendo il numero dei laureandi in più giorni con ogni candidato che potrebbe essere accompagnato da un numero predeterminato di persone dotati dei dispositivi di sicurezza personali, posti a distanza l’uno dall’altro nelle nostre capienti aule magnae e o nelle stanze di grandi dimensioni di cui disponiamo dove si potrebbero celebrare le sessioni".

La lettera prosegue così: "Non vogliamo peccare di presunzione o irresponsabilità ma, come Lei sicuramente potrà capire, questo passaggio della Nostra vita è cosi significativo ed importante che non possiamo rassegnarci all’idea che mentre il mondo riapre, la Nostra laurea debba essere discussa da casa. Possiamo essere un esempio virtuoso di come una ripartenza ordinata e in piena sicurezza per la salute dei dipendenti amministrativi, studenti e professori, sia possibile e possa partire proprio dall’università di Palermo. Da parte nostra, attraverso tutte le associazioni studentesche che appoggiano e sostengono questa ipotesi, Le assicuriamo ogni tipo di collaborazione e di disponibilità. Rimaniamo fiduciosi nell’attesa che Lei, il Senato Accademico, e gli organi di governo della nostra Università possiate considerare la nostra proposta. La ringraziamo in anticipo per l’ascolto che ci dedicherà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento