Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Coronavirus, i numeri "premiano" la Sicilia: è la regione con indice di contagio più basso

L’indice Rt, che misura la potenziale trasmissibilità di una malattia infettiva, nell'Isola è pari a 0,34. Il valore più piccolo tra tutte le regioni italiane. Lo certifica uno studio portato avanti dall'Istituto superiore di sanità e dalla Fondazione Bruno Kessler di Trento

In Sicilia il Coronavirus ha avuto vita più difficile rispetto alle altre regioni, si è propagato in modo inferiore rispetto al resto dello Stivale. A certificarlo è uno studio portato avanti dall'Istituto superiore di sanità e dalla Fondazione Bruno Kessler di Trento e reso noto nei giorni scorsi. L’indice Rt, che misura la potenziale trasmissibilità di una malattia infettiva, in Sicilia è pari a 0,34. Il valore più basso tra tutte le regioni. (Quanto maggiore è il valore, tanto più elevato è il rischio di diffusione dell’epidemia ndr)

"L’indice Rt - spiegano gli esperti - rappresenta il numero medio delle infezioni prodotte da ciascun individuo infetto dopo l’applicazione delle misure di contenimento dell’epidemia stessa". Anche se Rt è solo uno degli indicatori che servono a definire i provvedimenti da adottare nella fase 2, rappresenta uno strumento importante per monitorare le misure di controllo nel tempo e la loro efficacia. Il lockdown ha portato nel corso delle setttimane a un abbassamento del potenziale di trasmissibilità perchè si è sostanzialmente impedito al Covid-19 di circolare. L'alleggerimento delle misure, è stato più volte ribadito, sarebbe stato impensabile con un Rt intorno a 2.

trasmissibilità covid 19-2

La Sicilia quindi si avvicina alla "fase due" forte di dati incoraggianti. Il basso indice di trasmissibilità si unisce a numeri positivi anche nel rapporto guariti-malati. Ieri per la prima volta dall'inizio dell'emergenza ci sono stati più guariti (81) che nuovi casi (39). 

Virus, in Sicilia calo dei contagi e record di guariti

La situazione epidemiologica, secondo quanto spiegato dal presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro, è nettamente migliorata ma c’è una circolazione del virus che continua e di cui tener conto soprattutto in vista della riapertura progressiva delle attività: “Il numero dei casi si sta riducendo dappertutto, ma è ancora necessaria prudenza rispetto alle misure di riapertura perché la situazione è diversificata nel Paese. La curva mostra che i sintomatici si riducono – ha detto Brusaferro – ma ci sono ancora casi, anche questi però in riduzione. Aumenta l’utilizzo dei tamponi. Crescono gli asintomatici o coloro che hanno patologie lievi e si riducono i pazienti critici. Inoltre le età più avanzate, con più patologie, sono a maggior rischio mortalità”. La maggiore concentrazione dei casi “si ha nelle Rsa, a livello familiare e al lavoro”. Inoltre, ad aprile "sono aumentati i casi tra le donne”. Ci sono aree “a bassa, media e alta circolazione del virus” e “ci sono focolai anche in aree a bassa circolazione”.

Verso la riapertura di ville e giardini: dove si potrà andare con i bambini

Brusaferro invita alla cutela anche se “il miglioramento è netto. L’indice di contagio in Italia è tra 0,2 e 0,7 ma ci vuole poco a tornare sopra la soglia”. Il prossimo obiettivo “è tenere l’indice di contagio R con zero sotto il valore 1: se dovesse invece risalire sopra l’1 ci sarebbe una ricrescita della curva, con nuovi grandi numeri per le terapie intensive e decessi”, ha aggiunto Brusaferro. In assenza di un vaccino diventa fondamentale “l’individuazione e il monitoraggio tempestivo dei casi. Arrivare a un indice di contagio pari a zero non è per ora verosimile, è uno scenario nel tempo. E’ invece verosimile mantenere tale indice sotto l’1, cosa che ci consentirà di avere meno casi con la possibilità di garantire la risposta ospedaliera”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, i numeri "premiano" la Sicilia: è la regione con indice di contagio più basso

PalermoToday è in caricamento