Palazzo di giustizia, un impiegato della Procura positivo al virus: scatta la sanificazione

Stamattina un dipendente in servizio negli uffici al secondo piano del tribunale è risultato contagiato e subito è partito il piano di sicurezza. I magistrati e gli altri lavoratori sottoposti a tampone nell'aula magna della Corte d'Appello dove è in corso uno screening

Un impiegato degli uffici della Procura di Palermo è risultato positivo al Covid. Non è la prima volta che il virus entra nel palazzo di giustizia ed è stato subito attivato il protocollo di sicurezza previsto in questi casi: l'aera al seconda piano dove lavora il dipendente è stata subito sanificata e l'accesso, già ridotto, è stato ulteriormente limitato.

I magistrati e gli altri impiegati in servizio in Procura sono stati subito invitati a fare il tampone nell'aula magna della Corte d'Appello, dove da alcuni giorni è in corso proprio uno screening per scovare eventuali contagiati.

Nelle scorse settimane sono risultati positivi avvocati, praticanti ed anche giudici onorari, i cui contatti sono stati tracciati per evitare la propagazione della malattia. Già da mesi ormai al palazzo di giustizia sono in vigore norme per contrastare la diffusione del virus, con limitazioni agli accessi e udienze fissate con calendari ben precisi (non sempre rispettati, come hanno rimarcato più volte gli avvocati) al fine di evitare assembramenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Utile come un termometro, aiuta a scoprire le polmoniti: perché comprare un saturimetro

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

Torna su
PalermoToday è in caricamento