Donna palermitana di 100 anni guarisce dal Coronavirus: dimessa dopo quasi un mese

Iole oggi ha lasciato il Covid Hospital di Partinico. Proveniente da una casa di riposo di Palermo, era stata ricoverata il 18 aprile scorso

Festa per l'uscita dall'ospedale di Iole

Venticinque giorni dopo il ricovero, la centenaria Iole è stata oggi dimessa dal Covid Hospital di Partinico. Proveniente da una casa di riposo di Palermo, era stata ricoverata il 18 aprile scorso per infezione da Coronavirus.

A causa delle sue condizioni di salute e di altri farmaci che era costretta ad assumere, la donna palermitana è stata curata solo con eparina. I progressi sono stati subito evidenti ed a fine aprile, già, il primo tampone era negativo. Trasferita al quinto piano della struttura in isolamento, le sue condizioni di salute sono state continuamente monitorate. Dopo il secondo tampone negativo, questa mattina è stata dimessa. Ha lasciato l’ospedale salutata da tutto il personale in servizio.

Per la signora Iole, che ha compiuto 100 anni lo scorso 4 gennaio, sono state attivate le dimissioni protette, in regime di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI). Reduce da una precedente frattura, sarà, tra l’altro, seguita nella riabilitazione da un fisioterapista. Ha lasciato, invece, oggi la Rianimazione un paziente di 58 anni. Dopo essere stato estubato nei giorni scorsi, respira, ormai, autonomamente e proseguirà le cure in reparto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

Torna su
PalermoToday è in caricamento