Giuliana nella morsa del Coronavirus, il sindaco: "La mia lotta contro il killer silenzioso"

Barricati in casa: vivono così gli abitanti del piccolo centro di poco meno di 1.800 anime. La notizia del contagio di una donna, adesso ricoverata in ospedale a Palermo, del marito e del loro piccolo di appena cinque mesi, è arrivata come uno tsunami

Una veduta di Giuliana

Barricati in casa. C'è paura a Giuliana dopo i tre casi risultati positivi al Coronavirus. Nel piccolo centro di poco meno di 1.800 anime la notizia del contagio di una donna adesso ricoverata in ospedale a Palermo, del marito e del loro piccolo di appena cinque mesi, il primo neonato positivo in Sicilia, è arrivata come uno tsunami. Inaspettato e violento. Per una sessantina di persone, tutte entrate in contatto con la giovane coppia, è scattata la quarantena a casa. "Ci troviamo a fronteggiare una situazione critica e complessa", ammette con l'Adnkronos il sindaco di Giuliana, Franco Scarpinato. Lui sicuramente la notte del 10 marzo scorso non la dimenticherà facilmente. La conferma della positività al tampone della sua concittadina arriva alle 22. Con una telefonata.

"Mi sono precipitato immediatamente al Comune e ho attivato il Coc", ricorda. La macchina si mette in moto rapidamente. E lui, il sindaco con 35 anni di esperienza come coordinatore infermieristico alle spalle al Rizzoli di Bologna, al Civico di Palermo e poi all'ospedale di Corleone, non perde la lucidità. "Ho capito subito che non c'era tempo da perdere, per salvare il mio paese dal killer silenzioso dovevo ricostruire la catena dei contatti della coppia". Le telefonate sono rapide, si susseguono frenetiche una dopo l'altra. "Alle cinque del mattino tutti coloro che erano stati in contatto con la signora erano stati avvisati e bloccati a casa. Davvero un lavoro certosino. Se qualcuno di loro fosse uscito forse oggi non conteremmo solo tre casi".

Il sindaco 'rider': 'Io e assessori diamo una mano a chi in isolamento'

Resta, comunque, l'ansia. Tutte le persone messe in isolamento sono asintomatiche. "Stanno bene, siamo in contatto quotidiano con loro, speriamo vada tutto bene", dice il sindaco che insieme ai suoi assessori si è messo a disposizione. "Ci chiamano e a tutti diamo una mano. A qualcuno servono farmaci, ad altri beni di prima necessità". Così da un capo all'altro del paese il primo cittadino 'rider' esegue le consegne. "Lasciamo tutto fuori dalla porta e andiamo via. Nei piccoli centri il sindaco fa tutto, anche il falegname se occorre... ", scherza Scarpinato per cercare di sdrammatizzare. I tamponi effettuati sul piccolo di cinque mesi e sul papà sono risultati positivi. Anche loro hanno il Covid ma sono asintomatici e stanno bene.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: Adnkronos

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento