Cronaca

Tassa di soggiorno, la proposta della Lega: "Fondi per il Festino vadano a strutture ricettive"

Il Comune ha accantonato 400 mila euro per l'omaggio alla Santuzza, che dovrebbe slittare da luglio a settembre. I consiglieri del Carroccio: "Troppe incognite legate al Coronavirus, meglio utilizzare le somme per sostenere un settore che rischia il tracollo totale"

Il Comune ha accantonato 400 mila euro, incassati con l'imposta di soggiorno, per l’organizzazione del prossimo festino di Santa Rosalia. Nulla da eccepire: accade così da quando è stata introdotta la tassa di scopo (riscossa dalle strutture ricettive) che finanzia le attività culturali e turistiche.

Viste però le incertezze legate al Coronavirus - che dovrebbero far slittare il Festino da luglio a settembre (ammesso che ci siano le condizioni per farlo) - la Lega propone che "i 400 mila euro vengano utilizzate per dare sostegno al comparto turistico, con particolare attenzione alle strutture ricettive cittadine. Per ciò che riguarda il Festino, nelle prossime settimane e nei mesi a venire ci sarà tempo per capire in quale modo si potrà festeggiare degnamente la nostra santa patrona".

Così dice il capogruppo a Sala delle Lapidi Igor Gelarda, assieme ai consiglieri Alessandro Anello, Marianna Caronia, ed Elio Ficarra. "Premesso che il Festino è un momento importante della vita e della storia di questa città, allo stato attuale, considerate le incognite legate all’evoluzione dell’epidemia, che non ci danno certezze neanche per settembre, chiediamo che queste somme bloccate vengano subito svincolate per essere destinate alle strutture ricettive, che oggi rischiano il tracollo totale".  

A inizio mese, era stato il consigliere di maggioranza Toni Sala (Avanti Insieme) a proporre al Comune di "rinunciare alla sua parte dell'imposta di soggiorno, lasciandola tutta agli albergatori" così da "contribuire ad un percorso di rinascita".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa di soggiorno, la proposta della Lega: "Fondi per il Festino vadano a strutture ricettive"

PalermoToday è in caricamento